facebook twitter rss

Per il Basket Fermo
la palla a due
della ripartenza

PALLACANESTRO - Dopo i duri e lunghi mesi della quarantena, i tesserati del sodalizio sportivo fermano si sono ritrovati al campo all'aperto del Ricreatorio San Carlo per una prima seduta di allenamento post lockdown. Ovviamente tutto nel pieno segno delle rigide quante dovute misure di sicurezza
Print Friendly, PDF & Email

FERMO – Si ricomincia, seppur cautamente.

Primi segni di rinascita, dunque. Dopo mesi di stop forzato e l’adattamento ad attività atletiche a distanza, il Basket Fermo riparte finalmente in presenza. Utilizzando il campo all’aperto del Ricreatorio San Carlo per la prima volta dopo quasi tre mesi i ragazzi dell’U18, per primi, hanno ripreso ad allenarsi ieri pomeriggio.

Da oggi, martedì 26 maggio, tutti gli altri ragazzi e bambini. Con cautela, ovviamente, e moltissimi accorgimenti e limitazioni.

Prima di tutto non si potranno fare partite ma solo allenamenti individuali, contemporaneamente ai propri compagni di squadra ma distanziati in sicurezza. È vietato l’uso degli spogliatoi sia per le docce, che ognuno farà a casa propria, che per il cambio degli indumenti. La palla ognuno dovrà portarla da casa, per quelli che non hanno la possibilità il Basket Fermo fornirà la propria adeguatamente sanificata prima e dopo l’allenamento. L’utilizzo della mascherina, inoltre, sarà obbligatorio.

Non sono le condizioni ideali, purtroppo, ma bisognava ricominciare, bisognava mettere i piedi in campo, palleggiare sul serio la palla, tirare a canestro, anche se uno alla volta senza assembramenti sotto il tabellone. “Spiragli di luce in un tunnel buio che speriamo termini presto – ha dichiarato il responsabile, Francesco Sandroni -. Rivedere i nostri ragazzi oggi pomeriggio sudare nel campo di casa del Ricreatorio San Carlo è stata un’emozione unica, che nessuna parola e nessuna foto potrà rendere davvero. Ed è solo l’inizio”.

 

Altre foto dal primo allenamento di ieri: 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti