facebook twitter rss

Via ai lavori al cimitero settecentesco,
Loira: “Diverrà parte di un percorso culturale”

PORTO SAN GIORGIO - “Puntiamo ad inserire il cimitero settecentesco nel percorso culturale che da Rocca Tiepolo si sviluppa a villa Bonaparte, passando per piazza San Giorgio e lo storico corso”
Print Friendly, PDF & Email

“La ripresa post Covid vede la ripartenza di importanti interventi cittadini. Lunedì 15 giugno sarà la volta del cimitero settecentesco in piazza San Giorgio. I lavori di recupero inizieranno dalla facciata a cura di Rinnovarte Restauro. Saranno supportati dall’impresa edile Simone De Carolis. In passato la giunta comunale aveva approvato il progetto del gruppo di intervento”. E’ quanto annunciano dal Comune di Porto San Giorgio.

“Puntiamo ad inserire il cimitero settecentesco – il punto del sindaco Nicola Loira – nel percorso culturale che da Rocca Tiepolo si sviluppa a villa Bonaparte, passando per piazza San Giorgio e lo storico corso”.

“Siamo riuscite nei mesi scorsi a reperire i fondi necessari per partire – spiega  Antonella Leoni, responsabile per le Relazioni e le ricerche di Rinnovarte – poi sappiamo bene quello che è accaduto: la pandemia che ha bloccato sia l’intervento che la ricerca di sostegni da parte dei privati. La giornata di lunedì prossimo rappresenta un segnale per la città che arriva anche dall’arte e dalla cultura. Un ringraziamento va a tutti coloro che ci hanno aiutato per la realizzazione di questo progetto”.

“L’associazione Rinnovarte – ricordano dall’ente – aveva avanzato al Comune la disponibilità ad effettuare interventi di restauro conservativo. La realtà nasce dall’unione di 6 donne con professionalità molto diverse ma complementari e con l’intenzione di unire forze e risorse per il restauro conservativo di beni storici ed artistici al fine di restituirne la bellezza ed una migliore fruizione alla cittadinanza. Ciò è possibile grazie a coloro che sostengono finanziariamente i progetti Rinnovarte, dalla stessa definiti “mecenati del futuro”.
Ne fanno parte la presidente Maria Letizia Vallesi (restauratrice, impegnata nel recupero del cimitero), Antonella Leoni, (responsabile Relazioni e ricerche), Rosanna Balestrini (art director), Viviana Vallesi (social media), Marilena Imbrescia (fotografa) e Simonetta Mannocchi (responsabile dell’amministrazione e sviluppo).
Rinnovarte si fregia dell’esperienza e della positiva popolarità maturata nel progetto di restauro del loggiato San Rocco in Piazza del Popolo Fermo, della statua medievale di San Bartolomeo e della statua raffigurante San Giovanni dell’artista Gino Del Zozzo.
L’ossario sangiorgese ha bisogno di un intervento urgente che contrasti il cedimento delle pareti: che verrà realizzato nell’arco di circa 4 mesi. Si va dalla messa in sicurezza, all’intervento sul laterizio fino al restauro delle strutture decorative. La proiezione di investimento per i lavori è stata stimata in circa 50.000 euro”.

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti