fbpx
Giovanni Lanciotti Spazio pubblicitario elettorale
facebook twitter rss

Autostrada: due incidenti
in pochi minuti, un ferito
Code e rallentamenti in A14

SINISTRI - Il primo si è verificato tra Porto San Giorgio e Pedaso. Sul posto la Croce azzurra di Porto San Giorgio e la polizia autostradale. Il secondo, pochi minuti più tardi, tra Porto Sant'Elpidio e Porto San Giorgio. Anche in questo caso Polstrada sul posto. Entrambi in direzione sud
Print Friendly, PDF & Email

di Giorgio Fedeli

Due incidenti in rapida successione, l’uno dopo l’altro, a distanza di pochi minuti. E di nuovo code e rallentamenti in autostrada. O meglio, ulteriori code e rallentamenti. Gli incidenti verificatisi oggi pomeriggio intorno alle 17 nel tratto fermano, hanno infatti gettato sale sulle ferite di un traffico autostradale seriamente condizionato dai cantieri, un tratto in cui insistono anche sequestri disposti dall’autorità giudiziaria che hanno comportato l’inevitabile restringimenti delle carreggiate di marcia.

Comunque, tornando ai sinistri, il primo si è verificato al chilometro 282 direzione sud, insomma tra Pedaso e Porto San Giorgio. Sul posto sono intervenuti i sanitari della Croce azzurra di Porto San Giorgio e la polizia stradale, con la sottosezione autostradale di Porto San Giorgio, a cui spetta l’onere di ricostruire la dinamica del sinistro. Al momento non è chiaro quanti mezzi siano coinvolti. Di certo una Lancia Ypsilon ha riportato seri danni alla parte anteriore destra della carrozzeria. Ma per fortuna si è registrato solo un ferito lieve. Nulla di grave, quindi, per la persona coinvolta nell’incidente.

E da lì a pochi minuti un secondo sinistro. Questa volta siamo al chilometro 269, tra Porto Sant’Elpidio e Porto San Giorgio. In questo caso sarebbero rimasti coinvolti tre mezzi, di cui un camion che ha perso una piccola parte del carico con delle bottiglie d’acqua finite sull’asfalto. In questo caso non vi sarebbero ferito. Anche sul secondo incidente sono intervenuti gli agenti della polizia autostradale per ricostruire con esattezza la dinamica dell’accaduto e ripartire eventuali responsabilità.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X