facebook twitter rss

“Consegnati i lavori
per il nuovo ospedale di Fermo”
l’annuncio dell’assessore Cesetti

FERMO - Il delegato regionale al Bilancio: "I lavori alla Carron. Una struttura strategica per il territorio"
Print Friendly, PDF & Email

Fabrizio Cesetti

“Sono stati consegnati questa mattina alla ditta Carron con l’autorizzazione del Rup i lavori per la realizzazione del nuovo ospedale di Fermo a San Claudio di Campiglione per una spesa totale di 100 milioni di euro. La durata prevista dal cronoprogramma è di 36 mesi. Saranno realizzati 362 posti letto e 7 sale operatorie in una struttura che si estenderà su un’area di 68mila mq. L’impegno della giunta della Regione Marche per questa infrastruttura sanitaria è stato convinto e determinato e ora siamo finalmente alla fase finale di una realizzazione davvero strategica per la salute di tutto il territorio”.

“Ad annunciare la notizia è l’assessore al Bilancio Fabrizio Cesetti dopo che nella giornata di ieri la società Rina Check s.r.l., incaricata dalla Stazione Appaltante per la verifica del progetto esecutivo – spiegano dalla Regione – ha emesso la verifica finale, documento necessario per il via libera del progetto esecutivo che è stato approvato con decreto dirigenziale 82/Eso del 20 luglio scorso.

Il nuovo ospedale, isolato sismicamente alla base, sarà così suddiviso: nel corpo A ci saranno il day hospital oncologico, gli ambulatori, la medicina nucleare e la radioterapia; nel corpo B la diagnostica funzionale e il centro per endoscopia; nel corpo C il pronto soccorso, il dipartimento per immagini, il blocco operatorio e il blocco parto; nel corpi Defghi la direzione sanitaria, la formazione e il centro trasfusionale e la mensa del personale.

I posti auto previsti sono 760. Completati ad oggi – aggiungono dalla Regione – anche la progettazione esecutiva, tutti gli interventi propedeutici, gli scavi di sbancamento (circa 160.000 mc) dell’area di sedime della nuova struttura ospedaliera e i lavori complementari di consolidamento del terreno con l’esecuzione di circa 1.200 pali riduttori di cedimento in calcestruzzo (per circa 11.200 metri totali). Sono, inoltre, iniziati i lavori di realizzazione della viabilità di collegamento alla S.P. n.219 Ete Morto tanto che per oggi è previsto l’inizio del montaggio dei prefabbricati dell’attraversamento del Fosso San Claudio. L’accordo di programma era stato rimodulato alla luce degli aggiornamenti normativi, delle nuove esigenze dell’Area Vasta 4, delle prescrizioni da parte della SABAP Marche in seguito ai ritrovamenti archeologici ed anche della possibilità di futuri ed eventuali ampliamenti.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X