facebook twitter rss

Imu 2013, cartella da 87mila euro per
tre piattaforme petrolifere
Ma la Edison presenta ricorso

PORTO SAN GIORGIO - Sarà la Commissione Tributaria provinciale di Ascoli a decidere sul ricorso presentato dalla Edison contro l'accertamento Imu effettuato dal Comune di Porto San Giorgio sulle tre piattaforme petrolifere. La società dovrebbe sborsare secondo l'ufficio tributi oltre 87mila euro per il solo 2013 comprensivi di interessi.
Print Friendly, PDF & Email

di Sandro Renzi

Sarà la Commissione Tributaria provinciale di Ascoli a decidere sul ricorso presentato dalla Edison spa per ottenere l’annullamento o la riforma della cartella Imu relativa al 2013 per un importo complessivo di 87.155 euro comprensivo di sanzioni ed interessi per oltre 23mila euro. Il Comune di Porto San Giorgio ha deliberato ovviamente di resistere in giudizio valutando come fondata la pretesa di chiedere alla storica società con sede a Milano il pagamento dell’Imu per le tre piattaforme petrolifere che insistono nello specchio d’acqua antistante la città rivierasca. A seguito di accertamenti effettuati dagli uffici tributi era emerso infatti che le unità immobiliari in questione “non risultano accatastate e che il titolare delle concessioni demaniali, così come ormai pacificamente riconosciuto dalla giurisprudenza tributaria in forza della vigente normativa di legge è soggetto passivo Imu ed in quanto tale è tenuto al pagamento del relativo tributo calcolato sulla base imponibile desunta dalla documentazione contabile afferente il valore degli impianti, trasmessa dallo stesso concessionario”.

Così si leggeva nelle determinazione dello scorso 31 dicembre. Documento che di fatto accertava dal punto di vista contabile la somma di 63.683 euro inserendola nel bilancio di previsione che era allo studio dell’Amministrazione Loira. Un mese prima era stata invece notificata la cartella alla Edison che a sua volta, a giugno, ha depositato un ricorso alla Commissione Tributaria cui competerà sciogliere i dubbi su una vicenda che richiama alla memoria quanto accaduto  nella vicina Porto Sant’Elpidio. Anche qui, infatti, il contenzioso tra Comune e Edison si è addirittura protratto per dieci anni. Alla fine la conciliazione fuori udienza che ha chiuso un lungo e complesso braccio di ferro di fronte alle Commissioni Tributarie provinciale e regionale. Quattro milioni e trecentoventinovemila euro la somma frutto dell’accordo da versare nelle casse comunali come versamenti Ici ed Imu richiesti per le due piattaforme Sarago Mare e Vongola Mare.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X