facebook twitter rss

Per la Sutor l’esperto
play Simone Bonfiglio

SERIE B - Trentadue anni, nativo di Cento. In curriculum una sconfinata esperienza tra Legadue e Serie B. Arriva a Montegranaro dall'ultima stagione disputata a Ruvo di Puglia. "Piazza importante che respira basket di alto livello, non vedo l'ora di iniziare" le prima parole del nuovo metronomo gialloblù
Print Friendly, PDF & Email

MONTEGRANARO – Altro tassello inserito nel roster della Sutor Basket che si è assicurata le prestazioni del playmaker Simone Bonfiglio (foto).

Carriera32 anni, è nativo di Cento, in provincia di Ferrara, ha mosso i suoi primi passi con la Virtus Bologna, nel 2004/05, prima di approdare a Castel Guelfo in Serie B2. Poi il salto di categoria in B, quando risponde alla chiamata del Lumezzane, con la cui maglia disputa però 10 gare, decidendo pertanto di cambiare aria approdando al Bignami Anzola in B2.

Nel 2008/09, Bonfiglio emigra a Castelfiorentino in B Dilettanti, e qui le sue medie si innalzano notevolmente: 13 punti di media e 2 assist in oltre 31 minuti. Nell’estate del 2009 diventa “Uomo Volante” con Ruvo in Serie A Dilettanti. Nella stagione 2011/12 veste la maglia di Ferentino poi quella della Virtus Siena e Bari, in A Dilettanti. Nel 2013/14 arriva in Legadue con Jesi poi si trasferisce a Chieti. Nella stagione 2014/15 torna in B con Montichiari e in quella successiva riassapora la Legadue con la maglia della Virtus Roma. Torna in B a Piombino e l’anno dopo in Legadue a Cagliari. Nelle ultime tre stagioni ha vestito la canotta di Bisceglie, Nardò e Ruvo di Puglia.

Nell’ultima stagione a Ruvo di Puglia ha chiuso con 9,9 punti a partita smazzando anche 2,6 assist. “Sono molto contento di essere arrivato a Montegranaro – ha detto Simone Bonfiglio –, perché si respira basket ad alto livello visto che questa società ha militato per tanti anni in serie A. Giocare alla Bombonera è un motivo di vanto perché è un palazzetto molto caldo. Siamo una squadra giovane pronta però a lavorare tanto per migliorarci. Sono un playmaker puro, però questo ruolo può cambiare a secondo delle categorie. Ad esempio, in Legadue si gioca di più per la squadra, in serie B sono abituato a prendermi più responsabilità. Spero di portare in dote a questa squadra la mia esperienza e non vedo l’ora di iniziare. Quella che andremo ad iniziare sarà una stagione atipica che incomincerà il 15 novembre causa il Covid 19, abbiamo tempo per prepararci al meglio e dovremo sfruttare bene la finestra della Supercoppa. Dobbiamo conoscerci, lavorare duro e il nostro obiettivo sarà quello di migliorarci giorno dopo giorno per arrivare preparati ad ogni sfida”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X