facebook twitter rss

‘Rischio incidente rilevante’,
il prefetto approva i piani
di emergenza per due stabilimenti

FERMANO - Dalla prefettura: "Sono finalizzati a porre in essere ogni più puntuale direttiva rivolta ai soggetti istituzionali preposti per fronteggiare eventuali situazioni di emergenza che dovessero verificarsi in relazione alle aree di sedime degli stabilimenti industriali"
Print Friendly, PDF & Email

Il prefetto Vincenza Filippi e il viceprefetto Francesco Martino

“Sono stati approvati dal prefetto di Fermo, Vincenza Filippi, i Piani di emergenza esterna degli stabilimenti industriali a rischio di incidente rilevante Pegas S.r.l. ed Edison s.p.a., rispettivamente nei Comuni di Porto San Giorgio e di Fermo”. E’ quanto comunica, per conto della prefettura stessa, il viceprefetto Francesco Martino.

“I decreti, firmati ieri in Prefettura sono il frutto di un lungo e complesso lavoro istruttorio, avviato all’atto dell’insediamento del prefetto Filippi in provincia di Fermo ed attuato sotto il coordinamento del Capo di Gabinetto del Prefetto, il viceprefetto Francesco Martino, con il supporto tecnico del vicecomandante dei Vigili del Fuoco, l’ingegner Ivan Procaccini, cui hanno preso parte anche i rappresentanti provinciali delle Forze dell’Ordine, le Polizie Municipali di Fermo e di Porto San Giorgio, i responsabili degli Uffici tecnici dei Comuni interessati, l’Ufficio tecnico della Provincia, gli Uffici della Regione Marche, Asur Area Vasta 4, Arpam, oltre ai tecnici delle ditte interessate.
I due Piani di emergenza esterna, adottati ai sensi dell’art. 21 del decreto legge 26 giugno 2015 n. 105 a cui è allegato il Piano provinciale di Protezione Civile, adottato sempre dalla Prefettura ai sensi dell’art. 14 della legge 24 febbraio 1992 n. 225 e s.m.i. sono finalizzati a porre in essere ogni più puntuale direttiva rivolta ai soggetti istituzionali preposti per fronteggiare eventuali situazioni di emergenza che dovessero verificarsi in relazione alle aree di sedime degli stabilimenti industriali”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X