facebook twitter rss

Il Fermano chiamato alle urne,
ecco tutte le informazioni sul voto

I fermani chiamati alle urne entreranno in cabina con ben tre schede elettorali: per il comune, per la regione e per il referendum costituzionale. Tutto ciò che c’è da sapere per non sbagliare
Print Friendly, PDF & Email

di redazione CF

Da questa mattina alle 7 fino alle 23. E domani dalle 7, nuovamente, alle 15, il Fermano, come tutta Italia è chiamato alle urne. referendum sul taglio dei parlamentari, rinnovo del Consiglio regionale e, in sette Comuni della provincia, anche il rinnovo delle assisi comunali con i nuovi sindaci. Nello specifico Fermo, Montefortino, Monteleone di Fermo, Montelparo, Monterubbiano, Montottone e Santa Vittoria in Matenano. Ecco tutte le informazioni su come votare.

Poche e chiare le regole da rispettare, sia per avere accesso al proprio seggio nel rispetto delle disposizioni anti-Covid, sia per non trovarsi impreparati di fronte alle tre schede sulle quali l’elettore deve esprimere la propria preferenza.

COSA OCCORRE

Prima di recarsi alle urne occorre accertarsi di avere un documento di identità in corso di validità e la scheda elettorale; inoltre è necessario essere muniti di mascherina

IN CASO DI TESSERA ELETTORALE SMARRITA O ESAURITA

Se non siete riusciti a ritrovare la vostra tessera elettorale o se vi siete accorti che non vi è più un riquadro libero ove far apporre il timbro di presenza, non disperate perché potete ottenere  gratuitamente il duplicato di quella smarrita o la nuova tessera (in tal caso esibendo la vecchia esaurita).

Basterà recarsi con il documento di identità all’ufficio elettorale del Comune di Fermo nei seguenti giorni ed ai seguenti orari: sabato 19 dalle ore 8 alle ore 18.00; domenica 20 per l’intera durata delle consultazioni, dalle ore 7.00 alle ore 23.00 (in questa giornata è aperta anche la delegazione di Capodarco) e lunedì 21 dalle ore 7 alle ore 15.00.

DOVE SI VOTA

Ogni elettore deve votare nella sezione elettorale indicata sul frontespizio della propria tessera elettorale

QUANDO SI VOTA

Si vota domenica dalle 7 alle 23 e lunedì dalle 7 alle 15, lo spoglio per le amministrative prenderà il via martedì 22 settembre.

Nell’eventualità di mancata vittoria del candidato sindaco al primo turno, si dovrà accedere al ballottaggio, che si terrà due settimane dopo, il 4 il 5 ottobre.

Il ballottaggio non è previsto per la regione,  per la quale quindi vale l’elezione diretta del candidato governatore che otterrà semplicemente più voti degli altri.

COME SI VOTA

SCHEDA ELETTORALE PER IL COMUNE (SCHEDA BLU)

Diverse sono le combinazioni di voto che si offrono all’elettore.

L’elettore può votare per un candidato sindaco, per una lista che lo sostiene o per entrambi ed, in tal caso, altresì indicare i nomi dei candidati al ruolo di consigliere comunale: ossia può limitarsi a mettere una croce sul nome del sindaco a cui dare la preferenza oppure mettere una croce sul simbolo di una delle liste a sostegno del sindaco prescelto e scrivere al fianco della lista da lui indicata il nome di uno solo o al massimo due aspiranti consiglieri a patto che, in caso di doppia preferenza, si tratti di due appartenenti a quella medesima lista e di genere diverso (quindi o solo una donna, o solo un uomo, o una donna ed un uomo sempre della medesima lista indicata con la croce).

Precisazione: quando l’elettore omette il voto al contrassegno di lista, ma esprime correttamente solo il voto di preferenza per un candidato a consigliere affiancandolo alla predetta lista, s’intende validamente votata: a) la lista a cui appartiene il candidato votato; b) il candidato a consigliere votato; c) il candidato sindaco, collegato con la lista a cui appartiene il candidato consigliere votato.

C’è anche la possibilità di voto disgiunto, ossia si può votare per un candidato sindaco (sbarrando con una croce il suo nome) e per una lista (ed indicare a fianco i nomi degli aspiranti consiglieri candidati con quest’ultima) che non lo sostiene.

Nelle Marche sono chiamati al volto tutti i 227 Comuni che hanno già comunicato all’Ufficio elettorale della Regione l’avvenuto avvio delle votazioni. Alle urne, per ciò che concerne le regionali sono chiamati 1.310.843 marchigiani che dovranno eleggere il decimo presidente delle Marche e 30 consiglieri regionali tra i 510 aspiranti delle liste che appoggiano gli otto candidati governatori. La circoscrizione di Ancona eleggerà 9 consiglieri, quella di Pesaro 7, Macerata 6, Fermo 4, Ascoli Piceno 4, secondo quanto previsto dalla legge elettorale delle Marche.

fac-simile scheda elettorale per il comune di Fermo

SCHEDA ELETTORALE PER LA REGIONE (SCHEDA ARANCIONE)

A differenza della scheda comunale qui le liste di candidati al consiglio regionale sono a fianco (e non sotto) ai nomi dei candidati governatori. Si possono esprimere fino a due preferenze per i consiglieri: anche qui, come per il comune, bisogna fare attenzione, se si esprimono due preferenze, la seconda deve riguardare un candidato di sesso diverso rispetto alla prima (es., donna/uomo; uomo/donna), pena l’annullamento della seconda scelta. Non è ammesso il voto disgiunto.

fac-simile scheda elettorale per la regione Marche

SCHEDA ELETTORALE DEL REFERENDUM COSTITUZIONALE (SCHEDA CELESTE)

In tal caso l’elettore è chiamato a rispondere affermativamente o negativamente al quesito posto: basterà quindi fare una croce sopra al Si o al NO,  in base alla propria scelta.

fac-simile scheda elettorale per il referendum costituzionale


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X