facebook twitter rss

Spaccia dalla finestra, la Polizia
lo arresta: dovrà
rispondere anche di evasione

ARRESTO - Oggi, su disposizione del Tribunale di Fermo, che ha in brevissimo tempo valutato le risultanze investigative della Squadra Mobile, il giovane è stato raggiunto dai poliziotti che lo hanno accompagnato, questa volta, presso la casa di reclusione di Fermo
Print Friendly, PDF & Email

Pochi giorni fa, nel corso di un servizio per il contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti svolto dalla Squadra Mobile in un Comune dell’entroterra fermano, gli operatori della Polizia hanno notato che dalla finestra dell’abitazione di un soggetto stava avvenendo una probabile cessione di sostanza stupefacente tra due persone con il passaggio di un piccolo involucro dall’interno e una banconota passata dall’esterno.

“Poco dopo, un uomo di circa 30 anni, è uscito dall’abitazione allontanandosi verso il centro cittadino ma è stato fermato e controllato dagli agenti della Questura che lo avevano individuato per colui che aveva ceduto l’involucro. Il giovane, che era sottoposto ad una misura alternativa alla detenzione in carcere – specificano dalla Questura di Fermo – è stato accompagnato presso la sua abitazione per la perquisizione domiciliare.
Nel corso dell’attività di polizia giudiziaria sono stati rinvenuti, nei pressi della finestra, un bilancino di precisione per la ripartizione della sostanza, alcune banconote probabilmente derivate dalla cessione della droga ed una piccola dose di sostanza stupefacente, risultata essere cocaina per quasi un grammo, che è stata sequestrata.
Poiché il giovane si era allontanato, senza autorizzazione, dall’abitazione nella quale era agli arresti domiciliari, è stato denunciato all’autorità giudiziaria, oltre che per la detenzione ai fini di spaccio della droga, anche per evasione. E oggi, su disposizione del Tribunale di Fermo, che ha in brevissimo tempo valutato le risultanze investigative della Squadra Mobile, il giovane è stato raggiunto dai poliziotti che lo hanno accompagnato, questa volta, presso la casa di reclusione di Fermo”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X