facebook twitter rss

Cordoglio bipartisan per la scomparsa
di Nella Brambatti: l’ultimo
saluto della politica fermana

FERMO - Numerosi i messaggi di cordoglio, anche da parte di vari esponenti della politica fermana, che si susseguono in queste ore per l'ultimo saluto all'ex sindaco di Fermo, Nella Brambatti spirata ieri sera
Print Friendly, PDF & Email

Cordoglio bipartisan per la scomparsa dell’ex sindaco di Fermo, Nella Brambatti. In circostanze così dolorose, si sa, o almeno si presuppone, che non esistono barriere politiche o partitiche. E infatti Fermo e la sua politica si unisce, senza distinzioni di tessera o casacca, in un simbolico abbraccio ai familiari della Brambatti, la cui scomparsa ieri sera ha fatto calare sulla città un velo di cordoglio e sgomento. Dinanzi alla morte, dinanzi al dolore di chi resta, non esistono ragioni politiche che reggano. E la politica fermana lo dimostra. Fin da ieri sera, a pochi minuti dalla notizia della morte dell’ex sindaca, sono arrivati i primi messaggi di cordoglio e condoglianze ai familiari.

“Il sindaco Paolo Calcinaro, l’amministrazione comunale di Fermo ed il personale dipendente del Comune, nel porgere ai familiari le più sentite condoglianze, esprimono sentimenti di cordoglio per la scomparsa della professoressa Nella Brambatti, primo sindaco donna della città, per la quale – si legge in una nota del Comune – si è spesa nel ruolo di amministratrice, di insegnante e di donna di cultura, sempre con grande passione e impegno. Una dedizione portata avanti con forza e determinazione, come nel suo carattere, a beneficio dell’intera comunità di Fermo, che ne serberà un ricordo indelebile e commosso”.

“Le donne e gli uomini del Partito democratico della città di Fermo esprimono il più profondo cordoglio – scrive Sandro Vallasciani, capogruppo dem a Fermo – per la morte di Nella Brambatti. Anche in questa sua ultima fase della vita, ha affrontato con grande dignità e determinazione la lotta alla sua implacabile malattia. Primo sindaco donna della città di Fermo, già consigliere comunale e poi assessore nelle due legislature a guida Fedeli, ha svolto con grande impegno e passione la sua attività istituzionale avendo come unica ed inderogabile regola l’esclusivo perseguimento del bene comune. Personalmente ho iniziato accanto a lei in giunta nel 1995 la mia prima esperienza amministrativa e politica, nella quale furono assai fondamentali i suoi insegnamenti e consigli. A lei va il ringraziamento nostro e di tutta la città  per l’amore che ha sempre dimostrato nei confronti di Fermo e dei suoi concittadini, dedicando ad essa buona parte della sua vita. Esprimiamo infine profonda vicinanza alla famiglia tutta, al marito Italo e alle sue sorelle che in questi ultimi tempi le sono stati a fianco fino alla fine. Manterremo sempre vivo il suo insegnamento e ricordo”.

“Esprimo, a nome mio e del coordinamento provinciale Forza Italia – la nota diffusa dalla coordinatrice provinciale e capogruppo regionale FI, Jessica Marcozzi – il più sentito cordoglio per la scomparsa dell’ex sindaco Nella Brambatti. Una notizia nefasta, che abbiamo appreso questa sera, e che ci rattrista enormemente. Tutti noi abbiamo perso una donna che ha saputo rivestire con serietà e responsabilità il ruolo istituzionale che ha ricoperto alla guida della città. Ci stringiamo al dolore dei suoi cari a cui rivolgiamo le nostre più sentite condoglianze. Fermo perde una grande donna che ha amato, in maniera a dir poco ammirevole, la sua città”.

 

“Esprimo il mio dolore per la scomparsa di Nella – è il commento di Giuseppe Buondonno – un dolore accresciuto ancor più dai contrasti che abbiamo avuto dopo una lunga amicizia e dal modo in cui ci siamo allontanati. Nella era una persona rigorosa, seria e quei conflitti, per quanto mi riguarda, hanno sempre avuto solo un origine politica. Naturalmente questi scompaiono di fronte alla gravità di quello che è accaduto, all’intensità del dolore e della perdita. Voglio esprimere anche al marito e alla famiglia il cordoglio per la sua morte”.

Ma cosa perde Fermo con la scomparsa della Brambatti? “Perde una persona che ha dato molto alla città, al suo partito, prima al Pci, poi al Pds, poi al Partito Democratico. Una persona che credeva nelle cose che faceva. È stata anche presidente del Conservatorio, credeva nell’importanza delle istituzioni per il sostegno alla cultura ed era una donna appassionata e competente di scuola. È una perdita a tutto tondo e, soprattutto, è un dolore per tutti quelli che l’hanno conosciuta, qualunque siano state le legittime differenze”.

All’epoca dell’elezione della Brambatti, Buondonno era il segretario del partito di maggioranza relativa della città. “La sua scelta come candidata sindaco è stata una scelta collettiva della coalizione, ma da me convintamente sostenuta, fondata sull’assoluta onestà e trasparenza, che è sempre una caratteristica fondamentale degli amministratori. Credo che Nella sul piano della trasparenza, dell’onestà e della distanza da qualunque interesse personale desse assolute garanzie e anche su questo c’è stata la convergenza di tutto il centrosinistra”.

Nel 2015, però, quando la sindaca venne sfiduciata dalla propria maggioranza, l’attuale segretario regionale di Sinistra Italiana non ero più a capo del partito di Fermo e non aveva responsabilità politiche. “Credo che le considerazioni politiche siano veramente secondarie in questo momento. È la perdita di una persona vera, a cui abbiamo voluto bene. Ho avuto una lacerazione con lei, che però non mi ha mai fatto smettere di considerarla una persona perbene”.

Via Facebook anche il consigliere regionale Pd, Fabrizio Cesetti ha voluto dire addio la Brambatti. “Ciao Nella, ciao Sindaco – ha scritto – Ci siamo incontrati nel tempo della fatica più bella: la costruzione della Provincia di Fermo, simbolo della ritrovata identità ed autonomia. La città di Fermo e l’intera Provincia perdono una donna di valore e di valori”.

“Cordoglio per Nella Brambatti. Fratelli d’Italia – fanno sapere dal coordinamento Fdi Fermo con Rossano Romagnoli e dal coordinamento provinciale Fdi con Andrea Balestrieri – vuole manifestare il dispiacere per la scomparsa della professoressa Nella Brambatti, prima Assessore alla Cultura e poi sindaco di Fermo. Figura carismatica dal carattere intellettuale che ha profuso con esemplare impegno ogni sua energia per questa città. Ai familiari ed ai suoi cari si rivolge il cordoglio per il lutto”

 

Fermo in lutto, è morta Nella Brambatti: primo sindaco donna della città

 

 

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X