facebook twitter rss

Coronavirus, sono 67 i contagiati
presenti al Murri: al Pronto soccorso
via gazebo e aiuola:
“Per le esigenze dei pazienti”

FERMO - Una scelta dettata principalmente dall'abbassamento delle temperature e dalle segnalazioni di pazienti e utenti, accompagnando così i pazienti stessi direttamente all'interno dell'ospedale, senza un primo step all'aperto
Print Friendly, PDF & Email

di redazione CF

Sono 67, ad oggi, i pazienti positivi al Coronavirus, ricoverati all’ospedale Murri di Fermo. Di questi, 32 sono nel reparto di Malattie infettive, 7 a Terapia intensiva, 21 in Medicina Covid e 7 al Pronto soccorso. Questi i numeri forniti questa mattina dall’Area vasta 4 di Fermo. Ed è sempre l’Av4 a dare la bella notizia: non si sono registrati decessi nelle ultime ore.

Restando sempre all’ospedale di Fermo, molti pazienti hanno notato che sono spariti i gazebo all’ingresso del Pronto soccorso. Ed è stata rimossa anche l’aiuola che si trovava sempre davanti all’attuale ingresso del Pronto soccorso. Lavori disposti dalla direzione sanitaria per venire incontro alle esigenze dei pazienti e, più in generale, degli utenti. In altre parole, l’aiuola e i gazebo sono stati rimossi per creare spazi ulteriori di manovra per le ambulanze in modo tale da poter arrivare con i mezzi di soccorso direttamente dentro le mura del nosocomio fermano. Stiamo parlando, però, delle emergenze no Covid. I pazienti che si recano al Pronto soccorso per sospetto contagio da Coronavirus, continueranno comunque ad entrare dall’ingresso principale, seguendo uno specifico percorso riservato proprio ai potenziali contagi. Una scelta dettata principalmente dall’abbassamento delle temperature e dalle segnalazioni di pazienti e utenti, accompagnando così i pazienti stessi direttamente all’interno dell’ospedale, senza un primo step all’aperto.

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti