facebook twitter rss

La denuncia di Confabitare:
“Ennesimo scempio a Lido Tre Archi, ben sei appartamenti sventrati e saccheggiati”

LIDO TRE ARCHI - Ci chiediamo perché nel caso dei quattro furti in serie a Monte Urano sia stato immediatamente validato il controllo di vicinato, a differenza della situazione di grave allarme sociale di Lido tre Archi dove si sono attesi mesi ed ancora non siamo nella fase operativa
Print Friendly, PDF & Email

 

“Ennesimo scempio a Lido Tre Archi con ben sei appartamenti sventrati e saccheggiati”. E’ l’allarme lanciato da Renzo Paccapelo, presidente Confabitare della provincia di Fermo.  “Ci chiediamo – spiega Paccapolo –  che fine abbia fatto il censimento degli occupanti degli immobili e dei contratti di locazione promesso già alcuni mesi addietro. Ci chiediamo perché nel caso dei quattro furti in serie a Monte Urano sia stato immediatamente validato il controllo di vicinato, a differenza della situazione di grave allarme sociale di Lido tre Archi dove si sono attesi mesi ed ancora non siamo nella fase operativa. Ci chiediamo cosa pensi di deliberare il prossimo comitato per l’ordine e la sicurezza e se non sia opportuno ed irrinunciabile un cambio di passo rispetto ai mesi precedenti.
Ci chiediamo perché non è stato richiesto per Fermo, come avevamo suggerito a suo tempo l’estensione del progetto strade sicure in funzione di controllo anticovid e del territorio. Ci chiediamo, ma porteremo l’istanza al Viminale con le firme raccolte chi vorrà, dopo quanto sta accadendo, occupazioni, spaccio, aggressioni, opporsi al presidio fisso delle forze dell’ordine, apra il fronte il sindaco portando una delegazione di Vigili Urbani nel quartiere. Poi ci chiediamo cosa fanno le istituzioni per evitare che gruppi etnici richiamino a lido tre Archi altri connazionali, privi di mezzi di sostentamento, privi di alloggio, privi di lavoro, facile preda della manovalanza criminale, facilmente arruolabili nelle fila dei nuovi ‘cavalli’ dello spaccio senza sosta, diurno e notturno”.

Paccapelo conclude: “Confabitare non arretra rispetto alle richieste già avanzate e vista l’emergenza riconosciuta nel quartiere, rispetto alle legittime aspirazioni dei cittadini residenti per i quali continuerà a battersi fino all’ottenimento dei provvedimenti utili a rendere lido tre Archi sicura, vivibile, fruibile in ogni giorno dell’anno”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X