facebook twitter rss

Cornacchini: ”Mantova pesa,
ma è acqua passata: ora concentrati
per il SudTirol”

SERIE C - Nella conferenza di metà settimana il tecnico torna sugli episodi che hanno contribuito alla prima sconfitta stagionale della sua gestione, prima di lanciare il metaforico assalto alla capolista, sabato di scena al Recchioni. Fermana sempre più vicina al tesseramento dell'esterno D'Anna
Print Friendly, PDF & Email

Giovanni Cornacchini in panchina durante una sfida domestica della Fermana

di Paolo Gaudenzi

 

FERMO – Sulla scia della prima sconfitta della gestione Cornacchini, maturata in quel di Mantova in una gara condita dalla prolungata inferiorità numerica per la repentina espulsione di Graziano (doppia ammonizione dopo 7′ di gioco), ed inficiata dalla mancata assegnazione di un rigore apparso del tutto legittimo, la Fermana è tornata al lavoro in vista della sfida interna di sabato prossimo, al cospetto del SudTirol.

Nella gara contro la capolista mancheranno gli squalificati Demirovic e Graziano, con bomber Neglia, Scrosta, Iotti ed il portierone Ginesta in diffida. Non sarà della sfida neanche Massimiliano Vadacca, collaboratore tecnico allontanato domenica scorsa dalla panchina per, recita il dispaccio del giudice sportivo, “comportamento non regolamentare“.

Con la premessa fondata su questi temi, arrivano così nel canonico appuntamento infrasettimanale con la stampa le parole del tecnico gialloblù. “Rimpianti per non aver fatto prima i cambi domenica scorsa? Forse – la prima sollecitazione di giornata -. Chi stava giocando inizialmente stava facendo bene, tenendo il campo. Ritoccare troppo la squadra non era il caso, la decisione è stata quindi quella di inserire poco alla volta gli elementi in corso d’opera. Poi è chiaro, tutto più limpido con il senno del poi ma con i <se> ed i <ma> non si fa calcio. La speranza era quella di trovare una giocata nel finale, che purtroppo non c’è stata”.

Graziano ha chiesto scusa a tutti, ma non doveva neanche chiederla – la ricognizione sull’espulsione -. A livello arbitrale credo che sia stata un’esagerazione, dopo pochi minuti. Fischietti più bravi avrebbero gestito diversamente i due episodi da giallo. Il piano partita, è ovvio, p0i è cambiato con l’uomo in meno, nonostante un rigore solare non assegnatoci sullo 0-0 e per come detto con l’uomo in meno. I ragazzi, in sintesi, hanno fatto un’ottima gara, con carattere, nonostante tutto”.

Sguardo al futuro, con due gare in quattro giorni, sabato il SudTirol, mercoledì il derby contro la Samb. “Per fare risultato dobbiamo faticare, sappiamo che da calendario incontreremo ora le squadre più forti del girone. Sabato sarà una partita molto impegnativa, anche sul piano fisico. Vedremo come gestire le forze anche in ottica squalifiche, muovendoci partita dopo partita. Giocheremo due sfide interne, ma il fattore casalingo è relativo, sappiamo che affronteremo oggettivamente avversari tosti”.

In entrata Simone D’Anna, esterno offensivo classe 1990 in uscita dal Lecco. Un giocatore che si sta già allenando con il gruppo. “Il mercato è un periodo complicato: ci sono giocatori che vogliono andare via, chi non è contento, ed altre sfaccettature. D’Anna non vede il campo in partite ufficiali da tempo, ma si sta allenando bene, come sempre ha fatto. Se verrà tesserato valuteremo le sue condizioni per un eventuale impiego da subito. A mio avviso ha qualità per fare la punta, per giocare cioè più vicino alla porta, rispetto al ruolo tipico dell’esterno. Ma è un discorso tutto da vedere”.

A pochi giorni dalla chiusura delle operazioni di mercato, oltre al tesseramento di Graziano, dalle parti di viale Trento si sono solo registrate due operazioni ufficiali in uscita. Il centrocampista Isacco, rientrato dal prestito di Fano, è stato girato con la stessa formula al Monopoli. Nel mentre è stata raggiunta invece con il difensore Diop la risoluzione contrattuale dell’accordo di collaborazione sportiva. Con tutta probabilità lo stopper proseguirà la carriera all’estero.

 

Articolo correlato: 

Mercato Fermana, Raffini approda alla Paganese


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti