facebook twitter rss

Massimi campionati regionali
verso la ripartenza, l’idea della Lnd

CALCIO - Il consiglio direttivo ha individuato la rotta per l'eventuale epilogo della stagione in corso 2020/21, con modifica del format tradizionale corredati da sostegni in favore delle società. Un'ipotesi che riguarda i tornei di Eccellenza, il calcio a 5 di Serie C1 maschile e C femminile
Print Friendly, PDF & Email

Un frame di repertorio relativo ad una partita del San Marco Servigliano, compagine fermana militante nel campionato corrente di Eccellenza

ROMA – Lega Nazionale Dilettanti, il consiglio direttivo nazionale si è riunito ieri, venerdì 5 febbraio.

All’ordine del giorno l’eventuale ripartenza dei massimi campionati regionali, dunque, Eccellenza per la tradizionale disciplina ad 11 e calcio a 5, nelle espressioni della C1 maschile e C femminile.

L’organo di vertice della Lnd, al termine dell’assemblea, così come reso noto tramite i propri canali ufficiali, ha indicato all’unanimità l’indirizzo della ripartenza, pur ravvisando le tante difficoltà legate alla pratica concreta. Per tali motivi è stato delegato il presidente Cosimo Sibilla, nonché tutti i consiglieri federali della Lega, di sottoporre all’attenzione della Federazione Italiana Giuoco Calcio gli elementi affinché venga allestito un protocollo sanitario specifico, corredato da una richiesta di contributi straordinari atti a garantire tutte le sanificazioni del caso, tamponi ai tesserati compresi, per evitare quindi pressanti oneri a carico cioè delle società.

Considerando la delicata situazione corrente e le tante, troppe difficoltà legate a tutto tondo alla pandemia, al Consiglio Federale Figc sarà inoltre sottoposta la deroga ai format dei tornei, che potrebbero quindi ripartire al netto delle retrocessioni, con mantenimento inoltre della categoria per i club che, davanti a difficoltà finanziarie, dovessero risultare impossibilitati a proseguire nell’attività. Nel pacchetto di novità inserita anche la proroga per operare con i tesseramenti/trasferimenti dei calciatori, identificato nel prossimo 31 marzo. 

Promuovere il calcio e stimolarne la ripresa i nostri obiettivi, ponendo in essere le giuste condizioni per la ripartenza dei massimi circuiti regionali: un segnale di speranza e serenità rivolto al futuro – il commento del presidente Sibilla, rilasciato sui medesimi canali web della Lnd -. Nel mentre siamo però consapevoli delle responsabilità connesse, che ricadono su di noi e sui promotori di tale prospettiva, non dimenticando inoltre le speranze da un lato, e difficoltà dall’altro di tutte le società e dei tesserati coinvolti, in ambito economico e sanitario”.

p. g. 

 

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti