facebook twitter rss

«Medici autonomi pensionati
senza vaccini: un’ingiustizia»

SANITA' - La denuncia di Anaao Assomed Marche, sindacato di medici e dirigenti sanitari
Print Friendly, PDF & Email

Antonio_Dottori_AnaaoMarche

Antonio Dottori

 

Niente vaccini per i medici autonomi pensionati. «Molti colleghi dimenticati perché non hanno la partita iva». A denunciarlo è Anaao Assomed Marche, sindacato di medici e dirigenti sanitari che scende in campo, mentre la Regione fa scattare il piano per vaccinare gli over 80.

«Si sta perpetrando un’ingiustizia. I medici e sanitari sono stati i primi ai quali è stata offerta l’opportunità di sottoporsi alla vaccinazione, compresi i pensionati richiamati in servizio per far fronte alla pandemia, ma sono rimasti esclusi i medici fuori dal sistema della dipendenza e dei convenzionati, vale a dire la categoria degli autonomi. La Regione Marche ha incluso solo coloro che hanno la partita iva». Ad affermarlo Antonio Dottori, che rappresenta i medici pensionati iscritti ad Anaao Assomed Marche.  «Segnalo che molti colleghi non hanno avuto la possibilità di sottoporsi al vaccino perché autonomi ma senza Partita Iva – dice Dottori, che da medico in pensione dopo 30 anni di Medicina d’Urgenza è stato tra i primi ad essere richiamato-. A nostro avviso è un’ingiustizia e una discriminazione nei confronti di tutti quei colleghi che sono rimasti esclusi ma che sono medici come noi e prestano la loro attività essendo a contatto con i pazienti e rischiando quindi di contrarre (ed eventualmente trasmettere) il Covid-19. Alla Regione Marche quindi l’appello a sanare la situazione»


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti