facebook twitter rss

Pranzano e provano ad andarsene
senza pagare ma all’uscita
trovano la Polizia, uno è anche ‘recidivo’

POLIZIA Dalla Questura: "Gli agenti hanno proceduto ad identificare le due persone che non hanno potuto far altro che promettere che avrebbero pagato a breve quanto dovuto non avendo, in quel momento, liquidità sufficiente. Questa mattina, contattato il titolare dell’esercizio pubblico, lo stesso ha confermato di aver ricevuto il saldo del conto e che, quindi, non avrebbe proceduto a denunciare i due soggetti compiutamente identificati, uno dei quali già con precedenti per comportamenti analoghi"
Print Friendly, PDF & Email

di redazione CF

Tra le difficoltà che devono affrontare i ristoratori a causa delle restrizioni determinate dalla pandemia in atto, ci sono anche quelle relative a persone che consumano i pasti e non hanno intenzione di saldare il conto. È quanto avvenuto domenica scorsa, ultimo giorno in zona gialla prima del nuovo ingresso in quella arancione per la nostra Regione. Ma all’uscita trovano la Polizia.
“Due persone, residenti nel Fermano, hanno consumato il pranzo in un ristorante del litorale ma dopo il caffè ed alcune chiacchiere si sono alzati dal tavolo raggiungendo l’uscita del locale. Uno dei camerieri che si è accorto della ‘manovra’ li ha bloccati sulla porta. A malavoglia i due si sono diretti verso la cassa ed uno dei due ha provato a pagare con una carta di credito ma la transazione è stata rifiutata dal sistema.
I due, al termine degli infruttuosi tentativi di pagamento, hanno cercato nuovamente di raggiungere l’uscita ma – quanto riferito dalla Questura di Fermo – sono stati fermati da una delle Volanti impegnate nei servizi di controllo del territorio e di contrasto alla diffusione dell’epidemia che facevano parte dell’imponente spiegamento di forze che ha presidiato la zona costiera anche nel fine settimana appena trascorso. L’equipaggio della Polizia di Stato ha proceduto ad identificare le due persone che non hanno potuto far altro che promettere che avrebbero pagato a breve quanto dovuto non avendo, in quel momento, liquidità sufficiente.
Questa mattina, contattato il titolare dell’esercizio pubblico, lo stesso ha confermato di aver ricevuto il saldo del conto e che, quindi, non avrebbe proceduto a denunciare i due soggetti compiutamente identificati, uno dei quali già con precedenti per comportamenti analoghi”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti