facebook twitter rss

Gostoli (Pd): “Parte la discussione online, ogni circolo delle Marche dovrà produrre un documento politico”

PD - Il segretario regionale: "Quanto emergerà dal dibattito di ogni circolo sarà inviato al partito nazionale e darà il contributo alla sintesi per l'agenda politica dei prossimi mesi
Print Friendly, PDF & Email

Giovanni Gostoli

“Parte la mobilitazione nei circoli del Partito democratico della Marche, nell’ambito della campagna lanciata davanti all’Assemblea nazionale dal nuovo segretario Enrico Letta. Ogni circolo è chiamato a riunirsi, nelle modalità più opportune in riferimento alla situazione pandemica, e a produrre, entro il 31 marzo, un documento politico a partire da 20 punti che sintetizzano le riflessioni della relazione di Letta di domenica scorsa. Quanto emergerà dal dibattito di ogni circolo sarà inviato al partito nazionale e darà il contributo alla sintesi per l’agenda politica dei prossimi mesi”. E’ quanto fa sapere il segretario regionale dei dem, Giovanni Gostoli.

 

Nel tardo pomeriggio di ieri, infatti, si è tenuta la segreteria regionale del Pd Marche. E’ stata convocata dal segretario Pd Giovanni Gostoli proprio per dare il via all’organizzazione il cui compito sarà delle Federazioni provinciali. All’incontro oltre ai Segretari provinciali hanno partecipato Silvana Amati, Presidente dell’Assemblea regionale, e i vertici del Gruppo consiliare Pd nel Consiglio regionale delle Marche, il capogruppo Maurizio Mangialardi e la vicecapogruppo Anna Casini. La riunione, infatti, è stata l’occasione anche di fare il punto sulla situazione pandemica e le iniziative da mettere in campo.

 

“Il Partito Democratico delle Marche vuole dare il proprio contributo al dibattito nazionale. La situazione pandemica, purtroppo, ci consente di organizzare solo incontri online in video collegamento e non tutti gli iscritti riusciranno a partecipare. Però vogliamo cogliere l’occasione di discutere del rilancio del partito sulle proposte indicate dal neo segretario nazionale Enrico Letta – spiega Giovanni Gostoli – Coglieremo l’occasione nei Circoli anche di fare il punto con i consiglieri regionali sulla situazione pandemica nella nostra regione e diffondere le proposte che sono state portate avanti con serietà, responsabilità e spirito di collaborazione dal Gruppo regionale Pd, dalla salute al lavoro”, aggiunge Gostoli.

 

“Inoltre, porteremo avanti le iniziative della fase costituente di analisi del voto per andare alla radice della sconfitta e preparare al meglio la nuova stagione congressuale del Pd regionale – spiega Gostoli – Dopo le assemblee provinciali abbiamo dato vita a un ciclo di iniziative webinar ‘Marcare il territorio’ per andare in profondità sui cambiamenti storici, politici, economici e sociali degli ultimi quindici anni della regione. I primi tre appuntamenti sono andati molto bene: partecipazione, relatori di qualità e una seria discussione”, prosegue il segretario Dem precisando che “è possibile rivedere gli appuntamenti sia nella pagina Facebook sia nel canale Youtube del Pd Marche. Il primo appuntamento è stato dedicato alla Storia politica delle Marche tra continuità e cambiamento con la partecipazione di Silvio Mantovani e Gildo Ciccotti. ‘Dallo sviluppo senza fratture alle fratture senza sviluppo’ è stato il tema del secondo webinar dedicato ai cambiamenti economici delle Marche negli ultimi 15 anni a cui sono intervenuti il prof. Carlo Carboni, il prof. Gianmario Raggetti, la segretaria regionale Cgil Daniela Barbaresi e il segretario regionale della Cna Otello Gregorini. Infine, nel terzo incontro abbiamo affrontato il tema della ‘Post Regione: le Marche tra ricostruzione e nuovo sviluppo’ con Daniele Salvi, autore del libro, Pietro Marcolini, presidente Istao, e Sauro Rossi, segretario regionale Cisl. “Siamo al lavoro per l’organizzazione di altre iniziative e prepareremo un ebook con la raccolta di tutte le relazioni come contributo alla discussione che si aprirà nei circoli – conclude Gostoli – Infatti dopo la discussione sul documento nazionale, siccome le restrizioni anti-Covid non ci consentiranno ancora di tornare a riunirci nelle sedi almeno fino ad aprile, continueremo il dibattito post-voto online nella speranza che le condizioni pandemiche migliorino”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti