facebook twitter rss

Nei quartieri della città operativi i centri di raccolta della potatura

FERMO - Politica attutata per disincentivare abbandoni indiscriminati dalle lavorazioni alle piante. I mezzi della Fermo Asite in campo per la rimozione dei residui vegetali nel punto di stoccaggio previsto per i vari angoli cittadini. La soddisfazione dell'assessore Ciarrocchi e dei consiglieri Tramannoni e Pistolesi
Print Friendly, PDF & Email

 

Alessandro Ciarrocchi, assessore all’ambiente

Nascono i centri di quartiere per la raccolta delle potature.

Per incentivare una più puntuale ed efficiente raccolta dei resti delle ramaglie e del fogliame prodotti dalla manutenzione dei giardini privati nel territorio comunale, sempre al fine di venire incontro alle esigenze del cittadino ed evitare abbandoni lungo le strade pubbliche, è stata approvata, con delibera dalla giunta comunale, un’iniziativa tesa al miglioramento del decoro urbano e al rispetto dell’ambiente.

In tutti i quartieri dove era stata rilevata e/o segnalata la presenza di frequenti conferimenti di verde, l’ufficio ambiente, di concerto con la Polizia Locale e la Fermo Asite, ha individuato dei punti di riferimento dove poter conferire i resti dei lavori di manutenzione del verde, la cui raccolta sarà curata poi in un unico punto in ogni quartiere dai mezzi della Fermo Asite.

Iniziativa di cui viene sottolineata l’utilità e l’importanza dall’assessore alle politiche ambientali, Alessandro Ciarrocchi: “Un ulteriore intervento che dimostra la vicinanza e la prossimità alle esigenze segnalate dalla cittadinanza, un servizio innovativo che fa il paio con la recente delibera adottata dal consiglio comunale con la quale si è data la possibilità ai cittadini di smaltire piccoli scarti di lavori edili domestici e pneumatici in disuso all’ecocentro comunale, sempre con l’obiettivo di agevolare lo smaltimento dei rifiuti e comunque disincentivarne l’abbandono indiscriminato. I punti di raccolta, minimamente impattanti, saranno pronti in poche settimane, poi il servizio potrà essere esteso su altre zone ed altri quartieri della città qualora se ne ravvisasse l’opportunità. Spero che l’iniziativa risulterà appezzata come lo è stata quella dell’introduzione degli operatori di quartiere”.

Progetto supportato e che ha visto la fattiva collaborazione dei consiglieri comunali di maggioranza, a partire da Massimo Tramannoni (capogruppo di Non mi Fermo) per il quale “è un’iniziativa molto utile che auspichiamo possa far sì che in questo modo i residenti, potendo contare nei vari quartieri su un punto di raccolta, contribuiscano sempre più a quest’azione di decoro urbano, importante per l’intera collettività” e di Sara Pistolesi (capogruppo di Piazza Pulita) per cui “è un’iniziativa attesa in molti quartieri della nostra città, per cui ringrazio l’assessore Ciarrocchi e gli uffici comunali. Ad esempio a Campiglione diversi sono i cittadini che da tempo chiedono una soluzione all’abbandono delle potature, soprattutto in alcune aree del quartiere, prima tra tutte proprio quella di piazzale Zama. Il nuovo centro di conferimento, che sarà collocato in quell’area, consentirà di avere uno spazio in cui conferire e in cui Asite organizzerà la raccolta in modo sistematico ed organizzato per rendere più decoroso e sicuro uno spazio pubblico, molto frequentato anche dai bambini, che vogliamo valorizzare come luogo di socialità ed aggregazione”.

I primi centri di raccolta delle potature verranno posizionati nei seguenti quartieri: Campiglione (Piazzale Zama), San Michele (via Ancona), Casabianca (via Pazzi), Tre Archi (via Togliatti), Tirassegno (via Rubens), S. Petronilla (via Campania), Marina Palmense (di fianco ai giardini pubblici) e Salvano (via Sacco e Vanzetti).


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti