facebook twitter rss

“I Crediti di imposta del Piano Transizione 4.0″, cosa sono e come finanziarsi per ottenerli nel meeting zoom di Cosvim

IL PRESIDENTE COSVIM Massimo Valentini: "È in atto una selezione radicale del tessuto delle nostre imprese in quanto potranno permanere sul mercato solo quelle che in questo momento così difficile stanno investendo o stanno programmando investimenti per innovare modalità di gestione aziendale, prodotti, metodi di produzione, macchinari, strategie di marketing. È paradossale, ma chi sta fermo ora accumulerà un gap difficilmente colmabile"
Print Friendly, PDF & Email

Il presidente Massimo Valentini

Pronti a ripartire. E pronti a documentarsi per una migliore finanziarizzazione delle proprie imprese e attività. Lo si è visto dal notevole numero di partecipanti al Meeting zoom di martedì scorso promosso dal Cosvim-Società integrata d’Impresa. Il tema del convegno era “I Crediti di imposta del Pianto Transizione 4.0: cosa sono e come finanziarsi per ottenerli”. Un incontro molto concreto che è entrato nel dettaglio del “come sono e come ottenerli” (relatori Alfredo Castiglione e Marco Romano, rispettivamente presidente e consulente del Ramses, gruppo finanza agevolata), e “dove trovare la finanza per gli investimenti” (relatore Simone Frasson, responsabile Finanza Innovativa del Cosvim).
Il convegno è partito dal presupposto che i processi di globalizzazione, lo sviluppo delle tecnologie, il cambiamento radicale dei mercati, l’accelerazione portata dalla pandemia, stanno cambiando strutturalmente il contesto competitivo in cui operano le aziende. Per poter investire occorre, allora, oltre al lavoro di analisi dei processi di innovazione aziendale, anche studiarne le opportunità normative e finanziarie.
Per cui, a dirla con il presidente del Cosvim Massimo Valentini che ha aperto i lavori: “È in atto una selezione radicale del tessuto delle nostre imprese in quanto potranno permanere sul mercato solo quelle che in questo momento così difficile stanno investendo o stanno programmando investimenti per innovare modalità di gestione aziendale, prodotti, metodi di produzione, macchinari, strategie di marketing. È paradossale, ma chi sta fermo ora accumulerà un gap difficilmente colmabile”.
Dagli interventi svolti e dalle numerose domande conseguenti, è stata evidente la necessità di conoscere tutta la tematica delle detrazioni d’imposta utilizzabili per gli investimenti della cosiddetta transizione 4.0, così come è assolutamente decisivo essere al corrente delle nuove opportunità della finanza innovativa che permetteranno gli investimenti necessari.
È stato inoltre dimostrato come il mondo delle agevolazioni per la transizione 4.0 sia in continua evoluzione, così come il mondo della finanza che oggi è profondamente cambiato.
Fondamentale dunque il supporto di “una consulenza integrata che – concludono da Cosvim – sappia orientare sia le opportunità dei crediti d’imposta sia quelle di finanza esistenti per attivare gli investimenti necessari”.

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti