facebook twitter rss

Covid, confronto sindaci-Regione: per il Fermano dati incoraggianti “Ma valorizzare punti vaccinali periferici”

SANITÀ - In ambito scolastico sulle 66 classi mese in quarantena nelle Marche dal 17 aprile soltanto 4 sono nel Fermano
Print Friendly, PDF & Email

Nadia Storti

di Andrea Braconi

Prima conferenza dei sindaci del Fermano sulla sanità dopo le dimissioni del direttore Livini, ma senza affrontare l’argomento. L’ordine del giorno, infatti, prevedeva un’analisi dei dati epidemiologici, alla presenza della direttrice generale Asur Nadia Storti e dell’assessore regionale Filippo Saltamartini.

La responsabile dell’azienda sanitaria marchigiana (e direttrice ad interim di quella fermana), ha focalizzato la propria attenzione anche sui numeri riscontrati in ambito scolastico, specificando come sulle 66 classi mese in quarantena nelle Marche dal 17 aprile soltanto 4 siano nel Fermano.

Quindi, la diffusione del virus rimane sotto controllo, come affermato anche da Saltamartini. Per la nostra provincia, nello specifico, il dato si attesta sui 75 contagi ogni 100.000 abitanti, ben lontano da quella quota 250 che automaticamente fa rientrare un territorio in zona rossa.

Nel ribadire una strategia di interventi mirati qualora dovesse essere riscontrato un peggioramento (come avvenuto per 5 Comuni delle province di Pesaro Urbino e Ancona, che si ritrovano così in zona arancione rinforzata), i vertici regionali hanno invitato i sindaci a non abbassare la guardia.

Oltre alle recenti dichiarazioni del commissario Figliuolo, che ha comunicato un rallentamento delle vaccinazioni per mancanza di dosi, la discussione ha visto gli amministratori locali rivendicare un potenziamento dei punti vaccinali periferici, anche rispetto alla piattaforma di prenotazione dove alcune piccole realtà non risulterebbero indicate.

L’impegno della Regione, anche in considerazione dell’apertura delle vaccinazioni per la fascia di età 65-69 anni, resta quello di uniformare la procedura, evitando percorsi di prenotazione on line separati.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti