facebook twitter rss

Ok del Consiglio regionale sulla riapertura del tribunale di Camerino, Pasqui e Marcozzi (FI): “Vittoria per il territorio”

GIUSTIZIA - I due esponenti FI in Consiglio regionale: "Riaprire il Tribunale ha dunque un’enorme valenza proprio dal punto di vista sociale e comunitario, oltre che giudiziario e culturale. Una bella vittoria per tutta la comunità, un messaggio di rinascita per un territorio che non ha mai mollato dinanzi a mille difficoltà"
Print Friendly, PDF & Email

Gianluca Pasqui e Jessica Marcozzi

“Una grande vittoria per un territorio che ha pagato troppo e continua a pagare un caro pegno dai drammatici giorni del sisma”. Con queste parole i consiglieri regionali FI; Gianluca Pasqui (vicepresidente dell’Assemblea regionale) e Jessica Marcozzi (Capogruppo regionale FI) commentano l’approvazione all’unanimità, in Consiglio regionale, della proposta di deliberazione, a firma Marcozzi, Pasqui, Rossi (Civici Marche) e Latini (Udc),  da inviare alle Camere per la definizione di una legge per il riordino dei Tribunali ordinari e degli Uffici del Pubblico Ministero.

Nelle Marche, infatti l’applicazione del Decreto legislativo del 2012 ha comportato la chiusura del Tribunale di Camerino. Il testo della proposta prevede che venga disposto il ripristino della funzione giudiziaria, nelle rispettive sedi, dei Tribunali e delle Procure, soppressi dal D.lgs. 155/2012, dunque anche, ovviamente, quello di Camerino. “La chiusura del Tribunale di Camerino – commentano i Consiglieri regionali – ha comportato inevitabilmente un depotenziamento dell’attività giudiziaria. Ma non solo. Camerino infatti è una città che vanta anche una prestigiosa Università con una rinomata Facoltà di Giurisprudenza, e un tessuto culturale e sociale di assoluto rilievo. Riaprire il Tribunale ha dunque un’enorme valenza proprio dal punto di vista sociale e comunitario, oltre che giudiziario e culturale. Una bella vittoria per tutta la comunità, un messaggio di rinascita per un territorio che non ha mai mollato dinanzi a mille difficoltà”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti