facebook twitter rss

C’è l’ordinanza sindacale: acconciatori ed estetiste operativi il primo maggio

FERMO - "Provvedimento che consentirà l'apertura in deroga a tutte le attività per i servizi alla persona, un piccolo ma importante supporto per tali categorie in questo particolare e difficile momento", le parole del sindaco Calcinaro e dell'assessore al commercio Torresi
Print Friendly, PDF & Email

“Considerata la particolare situazione che si è verificata a causa dei provvedimenti nazionali assunti in relazione all’emergenza sanitaria da Covid 19, che hanno comportato varie fasi di sospensione generalizzata del settore degli acconciatori e delle estetiste e la necessità di garantire un servizio adeguato e articolato nel miglior modo possibile nel momento in cui a tali attività viene consentito di operare, con ordinanza sindacale numero 25 è stata concessa la possibilità, in deroga alla normativa attualmente vigente e limitatamente alla giornata del 1 maggio, di svolgere per le imprese di servizio alle persone, quali acconciatori ed estetiste, la propria attività anche nella giornata festiva del primo maggio”, la nota diffusa dalla municipalità fermana.

“Un’ordinanza – ha detto a corredo del provvedimento il sindaco Paolo Calcinaro (foto) – che consentirà, in deroga vista la straordinaria situazione, l’apertura nella giornata di sabato 1 maggio di tutte le attività per i servizi alla persona (parrucchieri, barbieri, estetiste e similari, ndr): il 1 maggio è un valore assoluto, ma credo che in questo particolare periodo il lavoro si celebri consentendolo”.

“In questa fase, anche questo atto può rappresentare un piccolo ma importante supporto per queste categorie – ha aggiunto l’assessore al commercio Mauro Torresi – che pure hanno molto risentito delle restrizioni per l’emergenza sanitaria”. Nell’ordinanza, inoltre, sono fatte salve le condizioni economiche e normative dei lavoratori dipendenti e, in particolare, il rispetto dell’orario previsto dai contratti collettivi nazionali di lavoro delle categorie interessate e che le suddette attività dovranno essere svolte nel pieno rispetto della normativa vigente in materia.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti