facebook twitter rss

Sutor, contro la retrocessa Padova per migliorare la classifica in vista dei playout

SERIE B - Fare punti per puntellare la posizione di partenza nella griglia spareggi. Questo l'obiettivo che spingerà la compagine calzaturiera, domenica alle 18.00 in casa, contro la Guerriero. Vincere in attesa degli altri risultati per gettare poi l'occhio sulla pratica salvezza, passante purtroppo per l'appendice stagionale. Il punto con Alessandro Riva
Print Friendly, PDF & Email

 

Riva in schiacciata durante il match esterno in casa delle Rossella Civitanova

MONTEGRANARO – Una sfida importante per capire chi sarà l’avversario nei playout per non retrocedere.

La Sutor Basket affronterà domenica (ore 18.00) in casa la Guerriero Padova che con la sconfitta maturata ad Ancona mercoledì scorso, non ha più possibilità per provare ad arrivare alla salvezza.

La compagine gialloblù al momento è penultima in classifica in virtù degli scontri diretti sfavorevoli con Civitanova e Teramo, però ci sono ancora 40’ da giocare e le posizioni acquisite in questo momento possono cambiare.

Passa però tutto dal successo che i veregrensi dovranno ottenere contro la Guerriero, poi si darà uno sguardo agli altri risultati per capire in quale posizione della classifica si finirà il campionato e conoscere chi sarà l’avversario da affrontare nella prima sfida playout in programma il 16 maggio. Inoltre, bisognerà considerare se la Sutor avrà anche il fattore campo favorevole.

Con Alessandro Riva abbiamo provato a capire che avversario sarà la Guerriero Padova, match affidato alla coppia arbitrale Giorgio Silvestri e Indro Spinelli di Roma.

Riva, che gara si aspetta domenica contro una squadra già retrocessa?

“La Guerriero Padova è un avversario alla portata, che ad Ancona mercoledì è stato battuto nettamente. Noi dovremo giocare la nostra partita per conquistare i due punti in palio e allo stesso tempo cercando anche di migliorare la nostra classifica in vista del primo turno dei playout”.

Al momento la Sutor è penultima in classifica. Credi che con un successo e vedendo anche gli impegni di Teramo e Civitanova, la posizione possa essere migliorata?

“Teramo affronterà in casa Senigallia ed è questa una partita dal pronostico incerto. La Rossella invece se la vedrà con Cividale sempre in casa e credo che il valore della formazione di Pillastrini non si possa discutere. Quindi due sfide che noi vivremo a distanza con la speranza di poter migliorare l’attuale penultimo posto che occupiamo”.

Dopo la prima fase dove siete andati a strappi, pensa che si poteva fare meglio nella fase ad orologio dove sono arrivate solo due vittorie?

“Sì anche se sapevamo che sarebbe stato difficile il nostro cammino. Sono stati commessi tanti errori e li abbiamo pagati. Però non è finita e domenica sera vedremo che posizione di classifica occuperemo, senza dimenticare però che i calcoli li potremo fare solo se vinceremo con la Guerriero”.

Cosa significa giocare contro una squadra che è già retrocessa?

“Bisognerà vedere prima di tutto Padova con quali effettivi giocherà contro di noi. E’ chiaro che noi scenderemo in campo solo per vincere considerato quella che è la nostra classifica attuale e vogliamo farlo anche con il maggior scarto possibile”.

Nel primo playout quali saranno secondo lei le squadre da evitare?

“Monfalcone e Mestre che ci hanno creato tante difficoltà. Teramo e Civitanova credo che possano essere meglio per noi”.

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti