facebook twitter rss

In due occupano una casa, un terzo ruba un cellulare ma non sfuggono alla Polizia. Costa cara anche la lite senza mascherina

POLIZIA DI STATO impegnata a tutto campo nei controlli, non solo a Lido Tre Archi. Più di 200 le persone controllate e 123 i veicoli sottoposti ad accertamenti e 12 le sanzioni al Codice della strada
Print Friendly, PDF & Email

di redazione CF

Controlli a tutto campo della Polizia di Stato anche nella giornata di ieri. Più di 200 le persone controllate e 123 i veicoli sottoposti ad accertamenti e 12 le sanzioni al Codice della strada. E non sono mancate le denunce.

“Numeri che dimostrano l’impegno degli operatori della Polizia di Stato sul nostro territorio e che ricomprendono gli ordinari controlli del territorio delle pattuglie e straordinarie attività presidio per garantire la legalità, la sicurezza e la salute dei cittadini e dei turisti già presenti anche sulla costa e nel Comune capoluogo”, il punto dalla Questura di Fermo.

Ed anche ieri sono stati svolti mirati servizi a Lido Tre Archi con la collaborazione degli equipaggi del Reparto Prevenzione Crimine di Pescara nel corso dei quali sono state identificate 80 persone e verificati 50 veicoli.
Posti di controllo e accertamenti nel quartiere costiero anche nei confronti degli esercizi pubblici ma anche in alcuni palazzi per monitorare alcune situazioni di possibili occupazioni abusive di alloggi non ancora utilizzati o abbandonati da tempo e sottoposti a procedure esecutive.

In uno di questi ultimi, a seguito di una segnalazione di occupazione, il personale della Polizia ha accertato la fondatezza della informazione ed ha individuato, nelle vicinanze, i due soggetti che ne avevano preso indebitamente possesso, due stranieri che sono stati accompagnati in Questura e messi a disposizione dell’Ufficio Immigrazione per i provvedimenti di competenza.
L’appartamento – i dettagli della Polizia di Stato – è stato affidato all’amministratore condominiale per gli opportuni contatti con l’istituto proprietario e la successiva messa in sicurezza dell’alloggio. Sempre in merito alla presenza di soggetti clandestini dediti ad attività delittuose nel quartiere costiero, il giovane pregiudicato nordafricano accompagnato ad un Cpr la sera di mercoledì scorso, ieri mattina è stato accompagnato nel suo Paese di origine. Durante le attività di presidio, è stato controllato un giovane alla guida della propria autovettura. Il ragazzo con numerosi precedenti e particolarmente insofferente durante le fasi della identificazione, è stato sanzionato per la mancanza al seguito della patente di guida ma anche per la mancanza della disponibilità della mascherina di protezione delle vie aeree, con sanzione raddoppiata in quanto recidivo”.

Tra gli altri numerosi interventi, quello per il furto di un cellulare: “Una giovane donna residente nell’entroterra fermano aveva messo in vendita, attraverso un social, il proprio cellulare. Dopo essere stata contattata da un soggetto interessato all’acquisto, la donna ha accettato l’incontro a Porto San Giorgio ma, dopo aver mostrato il telefono al giovane che si era presentato all’appuntamento, quest’ultimo, in un attimo si è allontanato correndo con in mano il cellulare, facendo perdere le proprie tracce. Arrivati sul posto, gli operatori della Polizia di Stato – continuano dalla Questura fermana – dopo aver acquisito le testimonianze della vittima e di alcune persone presenti relative alle caratteristiche somatiche del malfattore, hanno riscontrato molte analogie con il reato perpetrato alcuni giorni fa a Porto Sant’Elpidio, del quale è stato successivamente identificato e denunciato l’autore. Con la collaborazione della giovane donna è stato possibile acquisire elementi certi per attribuire la responsabilità anche di questo furto al giovane già denunciato in precedenza”.
Sul fronte dei controlli in merito alle norme anti-Covid, poche le violazioni riscontrate nella giornata di ieri. “Tra queste, due sanzioni sono state elevate nei confronti di due uomini che nel pomeriggio di ieri, durante una lite molto animata iniziata all’interno del condominio abitato da entrambi ma proseguita anche all’esterno, malgrado i numerosi inviti dei poliziotti ad utilizzare le mascherine, non ottemperavano a quanto intimato dagli agenti. Dopo essere riusciti, a fatica, a calmare gli animi fortemente agitati i due soggetti sono stati sanzionati amministrativamente. Nel giorno che ha fatto rilevare una concreta diminuzione dei contagi, oltre ai controlli è il senso civico collettivo la base per evitare la diffusione dell’epidemia, ricordando quanto detto ieri dal Presidente della Repubblica “per sconfiggere il virus serviranno ancora prudenza e responsabilità nei comportamenti”.

Le indagini e il blitz nell’appartamento: scovato il clandestino “alla ribalta” nella black list della Polizia

Il furto della borsetta e quello del cellulare, doppio intervento della Polizia. L’appello della Questura: “Chiamate il 112 senza esitare”


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti