facebook twitter rss

Riqualificazione del commercio: dalla Regione 1,3 milioni. Silenzi (Cna): “Particolare attenzione a centri storici e nuove attività”

CNA - Il presidente Cna Fermo: "Obiettivo del bando emanato dalla Regione Marche è favorire la realizzazione di progetti di riqualificazione e valorizzazione commerciale di aree, vie e piazze con particolare attenzione ai centri storici, privilegiando l’attivazione da parte dei giovani di nuovi esercizi commerciali, nonché le attività sospese, anche temporaneamente, a causa della pandemia"
Print Friendly, PDF & Email

Paolo Silenzi

Riqualificazione del commercio: la Regione ci mette 1 milione e 300 mila euro. Il 3 giugno si apre il bando. Silenzi: “Particolare attenzione a centri storici e nuove attività”.
“Un intervento che mira alla riqualificazione e valorizzazione delle imprese del settore commercio, con una dotazione finanziaria di 1 milione e 300 mila euro”. Così il Presidente della Cna di Fermo Paolo Silenzi presenta il bando 2021 relativo alla Legge Regionale 27/2009, che si aprirà giovedì 3 giugno (scadenza 5 luglio): “Obiettivo del bando emanato dalla Regione Marche è favorire la realizzazione di progetti di riqualificazione e valorizzazione commerciale di aree, vie e piazze – spiega Silenzi – con particolare attenzione ai centri storici, privilegiando l’attivazione da parte dei giovani di nuovi esercizi commerciali, nonché le attività sospese, anche temporaneamente, a causa della pandemia”.
Sono previsti 1.100.000 euro per gli interventi a sostegno delle imprese commerciali e 200.000 euro per interventi a sostegno delle imprese commerciali nei comuni sotto i cinquemila abitanti; beneficiari micro, piccole e medie imprese commerciali di vendita al dettaglio e le micro, piccole e medie imprese di somministrazione al pubblico di alimenti e bevande esistenti.
“Una misura importante, soprattutto visto che, come rileva Unioncamere – ricorda il presidente di Cna Fermo – in dieci anni l’Italia ha perso quasi 156 mila imprese giovanili, con un calo del -22,4%. Solo nell’anno della pandemia, la flessione è stata del 18%. Fare impresa è un modo per realizzare sé e i propri progetti, oltre che un volano di sviluppo fondamentale per far ripartire l’economia italiana. Ma per i giovani, nell’ultimo decennio, è stato sempre più un miraggio. L’apertura del bando è quindi una buona notizia e la nostra associazione, tramite il confidi Uni.Co, può seguire gli interessati nella presentazione della domanda”.
Il contributo in conto capitale è del 30% per spese comprese tra i 15 e i 60 mila euro. Sono ammessi a finanziamento i progetti già realizzati e quelli ancora da realizzare per gli interventi relativi a ristrutturazione e manutenzione straordinaria; ampliamento dei locali adibiti e da adibire ad attività commerciali; attrezzature fisse e mobili strettamente inerenti l’attività di vendita e/o somministrazione di alimenti e bevande; arredi strettamente inerenti l’attività di vendita e/o somministrazione di alimenti e bevande; investimenti finalizzati all’adeguamento delle imprese all’emergenza Covid-19. Per informazioni e per la presentazione delle domande è possibile rivolgersi al confidi Uni.Co, contattandoci allo 0734/600288.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti