facebook twitter rss

Terrenzi guarda al futuro: “La prossima Amministrazione? Progetto tutto civico, fuori i partiti”

SANT'ELPIDIO A MARE - Il Sindaco a fine mandato pronto a rompere col Pd: "Il futuro è nel segno del civismo, così si unisce la città"
Print Friendly, PDF & Email

di Pierpaolo Pierleoni

“Sogno un progetto tutto civico che unisca la città, senza partiti. Il futuro di Sant’Elpidio a Mare lo vedo così”. Il sindaco Alessio Terrenzi è a fine corsa alla guida della città, dato che la primavera prossima terminerà il suo secondo mandato. Ma non ha affatto intenzione di ritirarsi. In ottica 2022 è pronto a mollare l’alleanza col Partito democratico per lanciare una coalizione puramente civica.

Sindaco, la sua esperienza da primo cittadino terminerà tra poco meno di un anno, a chi lascia il testimone?

“Esprimo la mia visione. Credo sia il tempo di andare oltre le divisioni tra partiti, c’è bisogno di una proposta civica pura, inclusiva, in cui tutta la cittadinanza possa riconoscersi”.

Significa che i civici devono essere protagonisti ed esprimere il candidato sindaco o che vuole una coalizione senza partiti?

“La soluzione ideale è un progetto senza simboli di partito. Sono convinto sia la scelta vincente. Dopo quasi 10 anni da Sindaco credo di lasciare un’eredità importante, ma ci sono tante altre progettualità che non avremo il tempo di ultimare e che vanno portate a termine. Mi piacerebbe vedere una prossima Amministrazione comunale che completi l’opera, che sia ambiziosa e capace di unire tutta la città”.

In questi anni avete sempre evidenziato la coesione della vostra maggioranza, che non ha mai fatto registrare fibrillazioni ed ha lavorato compatta. Perchè non può essere la stessa coalizione a proseguire il lavoro dell’Amministrazione uscente?

“La maggioranza ha sempre lavorato con un clima di piena collaborazione, lo confermo. A mio avviso serve proseguire sulla strada tracciata, ma riuscendo a coinvolgere tutte le migliori risorse che abbiamo a Sant’Elpidio a Mare e per farlo punto su un progetto tutto civico”.

Il modello è l’amministrazione Calcinaro a Fermo?

“In realtà credo che sia stato Calcinaro ad ispirarsi al progetto Terrenzi del 2012, quando lasciai il Pd per lanciare una coalizione civica che mi ha portato a diventare Sindaco. Da allora non ho più avuto tessere di partito. Come sappiamo, poi, venne meno l’alleanza con i Democratici e popolari ed entrò il Pd in maggioranza”.

Lei non potrà candidarsi per un terzo mandato, chi vede al suo posto? E in che ruolo si vede nel 2022?

“Ho in mente alcune figure che darebbero la disponibilità e che avrebbero sia le capacità che le motivazioni giuste per guidare un progetto vincente. Ma credo sia presto per i nomi. Per quanto mi riguarda, non ho ambizioni personali, ma voglio partecipare al futuro della mia città. Non chiedo ruoli, non mi vedo come assessore, perchè uno che ha fatto il Sindaco per dieci anni rischia di essere una presenza ingombrante in giunta”.

Franco Belletti, il coordinatore della maggioranza e della sua lista, Partecipazione democratica, ha sempre parlato di un progetto diverso, che parta dalla maggioranza uscente e dall’alleanza col Pd. Che ne pensa?

“Io esprimo la mia visione, non ne ho parlato con il resto della mia lista e con le altre componenti civiche della maggioranza, ci sarà tempo per confrontarsi. Ci può stare che qualcuno non sia d’accordo, eventualmente vorrà dire che le nostre strade si divideranno, ma invito tutti ad una riflessione approfondita. Non sto andando contro nessuno, anzi è un progetto che vuole essere il più possibile aggregante. Secondo me ci sarebbero persino le condizioni per una proposta politica unitaria con un unico candidato Sindaco”.

Questa sua posizione potrebbe pregiudicare l’ultimo anno di mandato che avete davanti?

“Perchè? Abbiamo obiettivi chiari, siamo persone adulte e credo che lavoreremo tutti fino all’ultimo giorno come abbiamo sempre fatto, con serietà e pensando al bene di Sant’Elpidio a Mare”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti