facebook twitter rss

La Croce azzurra ospite per due serate al Luna Park, Belleggia: “Dalla famiglia Carbonini gesto di grande sensibilità”

PORTO SAN GIORGIO - Domenica e ieri ingressi omaggio, per i militi della pubblica assistenza sangiorgese, alle attrattive del Luna Park sul lungomare Gramsci sud. La gratitudine del presidente della Croce azzurra, Gilberto Belleggia
Print Friendly, PDF & Email

“Siamo veramente grati alla famiglia Carbonini, del Luna Park, per un gesto di profonda gratitudine nei nostri confronti”. Il presidente della Croce azzurra di Porto San Giorgio, Gilberto Belleggia, si dice profondamente grato, a nome della grande famiglia della pubblica assistenza sangiorgese, nei confronti della famiglia Carbonini. I proprietari del Luna Park installato sul lungomare sud di Porto San Giorgio, infatti, hanno deciso di rendere gratuite tutte le loro attrattive, nelle serate di domenica e ieri, a tutti i militi della Croce azzurra.

Due serate per consentire, ovviamente, a tutti i militi, anche quelli in servizio durante una delle due giornate, di usufruire dei giochi. E ieri sera, infatti, un bel gruppo di soccorritori ha passato una piacevolissima serata tra le luci, l’allegria e le attrattive del Luna Park. Qualche ora, insomma, senza le continue pressioni che i militi si caricano sulle spalle quando indossano quella loro divisa.

 

“Donare qualche ora di spensieratezza a chi ogni giorno è in prima linea per la salute e la sicurezza dei cittadini, vuol dire essere sensibili a quanto la pubblica assistenza ha fatto e continua a fare quotidianamente per la collettività. Offrire ai nostri ragazzi momenti di svago, soprattutto in un periodo come questo di forte stress, anche e soprattutto legato al Covid, non ha prezzo. Per questo sono infinitamente grato alla famiglia Carbonini e a quanti quotidianamente mostrano nei nostri confronti stima e gratitudine perché la Croce azzurra è di tutti i sangiorgese e ogni giorno è al lavoro per la collettività, per garantire senza sosta servizi, assistenza e soccorso nell’emergenza”.

 

 

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti