facebook twitter rss

La boxe senza confini, per un doppio appuntamento andato in scena nel weekend

PUGILATO - Sabato sera gli incontri dilettantistici in piazza Matteotti a Montegiorgio, replicati domenica in quel di Loreto. "D'estate la nobile arte esce dalla palestre e vira tra la gente, per un impegno che vede noi della Federazione Pugilistica Italiana, sportello delle Marche, sempre in prima linea", il commento del relativo presidente, il fermanissimo Luciano Romanella
Print Friendly, PDF & Email

L’inno nazionale di inizio serata, con organizzatori e pugili intervenuti all’appuntamento domenicale in quel di Loreto

MONTEGIORGIO / LORETO (AN) – Un doppio appuntamento con la boxe, spalmato tra le piazze della provincia e non solo.

Sabato sera a Montegiorgio la Nike Fermo, dopo un anno di pausa forzata a causa delle famigerate quanto tristi vicende legate al Covid, ha ridato vita alla tradizionale riunione incastonata, da prassi, ogni mese di luglio ormai da anni e nota come “Pugilato sotto le Stelle“. Un momento, quello andato in scena in piazza Matteotti, partito a monte grazie all’impegno dell’ex pugile ed ora arbitro Gabriele Battilà, per un passaggio annuale a richiamare appassionati e curiosi ai bordi del ring, nella circostanza 2021 allestito in sette incontri di rango dilettantistico.

La deliziosa serata di sabato ha fatto quindi da premessa, nonché metaforico trait d’union, con quanto andato in scena il giorno seguente, dunque domenica, in quel di Loreto (AN), con la location per il ring scelta a ridosso della basilica, e quindi una prospettiva a metà scenario tra l’edificio sacro e la vista sul Conero. La pagina pugilistica di piazza Papa Giovanni Paolo II, organizzata dall’Accademy Boxe Loreto, ha avuto come ospite il sindaco locale Moreno Pieroni e, come minimo comune multiplo fermano tra i due appuntamenti, la regia organizzativa dello sportello marchigiano della Federazione Pugilistica Italiana, ente presieduto da Luciano Romanella. Anche in questo caso, a darsi sana battaglia sportiva atleti dilettanti, per un programma serale di dieci incontri.

“Sono state due splendide serate di sport, con la boxe riportata direttamente al pubblico – ha commentato lo stesso Romanella -. D’estate è nostro fare tipico quello di allestire ring ed incontri nelle pubbliche piazze, al contrario delle canoniche situazioni interne alle palestre, proprio per avvicinare la nobile arte alla gente. Facendo naturalmente fede a tutte le prassi anti Covid abbiamo quindi goduto di un’ottima serata sabato a Montegiorgio, per emozioni replicate il giorno seguente a Loreto, con picco di massima vissuto grazie dall’audio riproposto pubblicamente e riallacciato alle ultime due riprese dello storico match ad aver incoronato campione del Mondo Patrizio Kalambay alla fine degli anni ’80”.

La boxe non si ferma, anzi – ha concluso Romanella -. Venerdì prossimo, infatti, 30 luglio, a San Benedetto del Tronto abbiamo programmato un’altra riunione, con picco di massima che sarà incarnato dall’incontro prof che vedrà in scena il portacolori di casa Jonny Cocci. Tutto ciò, inoltre, come premessa agostana al traslarsi del metaforico circo pugilistico nel territorio pesarese, con appuntamento work in progress al momento da definire nei dettagli”.

 

Fotogallery

Dall’alto a scendere: atleti ed organizzatori davanti al santuario lauretano, un suggestivo frame dai combattimenti ai piedi della chiesa e la premiazione alla carriera di Patrizio Sumbu Kalambay, momento annunciato dalla madrina di serata, Kristel Talamonti

Momenti della kermesse andate in scena sabato scorso in piazza Matteotti a Montegiorgio. Al centro della serie il presidente della Federazione Pugilistica Italiana delle Marche, Luciano Romanella

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti