facebook twitter rss

Statue sacre ancora nel mirino: danneggiato il Padre Pio della chiesa San Giovanni

MONTE URANO - Dopo il furto, venerdì scorso, della Madonnina custodita in un'edicola nel quartiere 167, su cui stanno indagando i carabinieri, ieri è stata la volta della statua di Padre Pio che si trova a circa 500 metri da dove era alloggiata la Madonnina trafugata, nel quartiere San Pietro, nel piazzale della chiesa di San Giovanni
Print Friendly, PDF & Email
Ancora un atto vandalico a Monte Urano. E ancora una volta nel mirino ci finiscono le statuine religiose presenti in città. Dopo il furto, venerdì scorso, della Madonnina custodita in un’edicola nel quartiere 167, su cui stanno indagando i carabinieri, ieri è stata presa di mira la statua di Padre Pio che si trova a circa 500 metri da dove era alloggiata la Madonnina trafugata, nel quartiere San Pietro, nel piazzale della chiesa di San Giovanni. La statua è stata danneggiata in diversi punti: mano, viso, tunica ad esempio.
Un gesto riprovevole che ha subito sollevato nella comunità monturanese, già indispettita e amareggiata per il furto di venerdì, numerose reazioni di sdegno nei confronti di quel qualcuno che ha compiuto l’atto vandalico. “E’ un gesto grave, non si può commentare. Abbiamo rabbia, delusione, dispiacere e stupore ma ci attiveremo al più presto per il ripristino delle parti interessate dal danneggiamento” uno dei commenti sui social. “Se qualcuno ha visto qualcosa ovviamente lo aspettiamo per avere notizie. Passato questo momento di sfiducia andremo avanti e torneremo combattivi e operosi – si legge sui social – così come non mai perché noi del quartiere non ci facciamo abbattere da degli stupidi delinquenti. Anche questo secondo episodio è attualmente al vaglio dei carabinieri. Nel frattempo la comunità di quartiere si sta attivando, appunto, per riparare la statua, perchè se da una parte c’è, sì, lo sdegno dall’altra ci sono cittadini che non si fanno certo abbattere dalla mano di un qualche vandalo sconsiderato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti