facebook twitter rss

Per la Videx un buon test di preparazione contro Fano

SERIE A3 - A metà del cammino che andrà a sfociare con i primi impegni ufficiali di stagione l'assistant coach Minnoni ha commentato l'allenamento congiunto dei suoi, effettuato lo scorso venerdì. "Siamo un gruppo che ha tanta voglia di arrivare e di fare, con pazienza raggiungeremo i nostri obiettivi"
Print Friendly, PDF & Email

GROTTAZZOLINA – Ancora presto per chiamarle “prove generali” ma un primo assaggio di campionato la Videx lo ha offerto nel tardo pomeriggio di venerdì sul parquet di casa. Un’altra compagine marchigiana, prossima avversaria nel Girone Bianco insieme anche a Macerata, ha permesso a Vecchi e compagni di riprendere confidenza con i ritmi di gara e mettere a frutto il lavoro di questa prima fase di preparazione.

Fano ha fatto suoi i primi due parziali della sfida per poi fare i conti con il ritorno della banda di Ortenzi (23-25; 26-28; 25-19; 25-18). Equilibrio perfetto nel punteggio con una Videx vivace e, in alcuni momenti, quasi tradita da una grande voglia di mettersi in mostra. Entusiasmo, motivazioni ed energie positive che vanno incanalate nel binario giusto per poter affrontare nella condizione ottimale il campionato venturo.

“Questo gruppo ha tanta voglia di arrivare – ha dichiarato Mattia Minnoni -. Ognuno dei ragazzi si pone l’obiettivo di migliorare ogni giorno di più e questo è sicuramente un aspetto positivo in funzione dell’importante lavoro che ancora dobbiamo fare. Nel confronto di venerdì i ragazzi si sono comportati molto bene in fase muro-difesa ed hanno creato molte opportunità di contrattacco. Allo stesso tempo è mancata un po’ di efficacia nel concretizzare proprio questo genere di situazioni a causa di una certa frenesia che, a tratti, ci ha impedito di giocare con la giusta lucidità”.

Manca un mese all’inizio del campionato, i presupposti per aggiustare il tiro ci sono tutti e la strada da seguire è soltanto una: “Serve continuare a lavorare con la stessa intensità e lo stesso approccio mostrati finora – ha aggiunto l’assistant coach grottese -. Posto che le doti e le qualità dei ragazzi sono fuori discussione, occorre solo un po’ di pazienza per arrivare a creare i giusti meccanismi di squadra e centrare un obiettivo molto semplice ma fondamentale, ovvero tirar fuori da qualunque situazione di gioco una buona occasione per mettere il pallone a terra”.

Maturità e praticità al potere quando si transita esattamente a metà del cammino che porterà Grottazzolina al primo match ufficiale. Avanti così, con pazienza, perseveranza e accuratezza, per estrarre da un diamante grezzo la gemma più rara.

 

Fotogallery


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti