facebook twitter rss

Lega, Senzacqua entra in Consiglio. Marinangeli: “Lascio ma lavorerò per le elezioni. Vesprini ? Può essere un interlocutore”

P.S.GIORGIO - Fabio Senzacqua entra in Consiglio comunale e Marco Marinangeli lascia. Adesso è ufficiale. Il cambio, annunciato da Cronache Fermane, è stato formalizzato in conferenza stampa questa mattina. La Lega punta ad ampliare la sua platea. "Sport, sicurezza, porto su questi temi mi impegnerò" ha detto Senzacqua.
Print Friendly, PDF & Email

di Sandro Renzi

Fabio Senzacqua, come anticipato da Cronache Fermane alcuni giorni fa, entra a far parte del Consiglio comunale di Porto San Giorgio. Marco Marinangeli ha annunciato in conferenza stampa le sue dimissioni questa mattina. “Scelta giusta e motivata -ha detto lo stesso Marinangeli che da circa dieci mesi riveste anche la carica di consigliere regionale al posto di Mauro Lucentini- la città merita la massima attenzione e questo richiede tempo e presenza che non riesco più a garantire con il nuovo incarico”. La Lega a Porto San Giorgio punta quindi ad ampliare la platea contando pure su Renzo Petrozzi che resterà capogruppo. Il cambio in Consiglio comunale non avrà ovviamente alcuna ripercussione sull’assetto del partito di Salvini. “Ringrazio Marco perché la sua scelta di entrare in Lega ha permesso al partito di avere in Consiglio due rappresentanti che nel 2017 non eravamo riusciti ad eleggere. Lo ringrazio anche per il lavoro che sta svolgendo in Regione dove finalmente Porto San Giorgio è rappresentata” ha detto Senzacqua. “Sarà la mia una opposizione politica e cercherò di fare in questi setti mesi quello che non è stato fatto in quattro anni. C’è da lavorare e non poco”.

Porto, sicurezza, sport i temi su cui Senzacqua punterà da subito riconoscendo a Marinangeli il compito di traghettare l’opposizione da qui alle elezioni per il rinnovo del sindaco. E’ stata poi la volta del capogruppo Renzo  Petrozzi. “Sono certo che con Senzacqua lavoreremo bene -ha detto quest’ultimo- ora dobbiamo lavorare per costruire una squadra vincente in vista delle amministrative ed arrivare alle elezioni con un progetto unitario”. Il punto sulla Lega in provincia spetta al commissario Alan Petrini. “Dobbiamo ridare a Porto San Giorgio il ruolo che merita. Per farlo occorre una squadra unita -ha rimarcato Petrini- i quattro partiti del centrodestra vogliono arrivare pronti a questo appuntamento”. Come a quello per l’elezione del Presidente della Provincia di Fermo. “Anche in questo caso vogliamo presentarci con una lista unitaria per poter prendere per la prima volta la Provincia di Fermo. Siamo determinati per dare un’alternativa anche a Sant’Elpidio a Mare”. L’on. Mauro Lucentini ha ripercorso le ultime tappe che hanno portato il centrodestra a vincere nel Comune di Montegranaro. “Da qui e da Porto San Giorgio riparte il centrodestra” ha detto Marinangeli. “Auspicavo questo cambio da tempo -gli ha fatto eco Lucentini- perché il nostro mantra è una persona una poltrona. Solo così si può garantire un lavoro efficiente”. Il punto di partenza è il modello Montegranaro, qualche ruggine in passato c’è stata anche in Lega, ma poi i problemi si superano. “Mettiamo in campo le energie migliori e guardiamo agli interessi dei cittadini. A Porto San Giorgio tutte le forze del centrodestra si dovranno sedere allo stesso tavolo e con loro pure quelle civiche che ne condividono i valori e le idee”. Il candidato sindaco non arriverà comunque dall’alto ma saranno i rappresentanti locali a deciderlo ha ricordato ancora Lucentini. “Le politiche scellerate fatte dal Pd a Montegranaro consentiranno di portare il centrodestra a governare la Provincia di Fermo” ha ricordato l’onorevole della Lega “molti civici collocati con nel centrosinistra ora saranno alleati con il centrodestra”.

Marinangeli ha infine ricordato il lavoro che si sta facendo ad Ancona per promuovere le Marche. “Dobbiamo ragionare in termini di territorio e siamo stati poco capaci di vendere la nostra Regione in questi anni. Occorrono  infrastrutture che stiamo progettando, interventi per il turismo”.  Un ultimo cenno alle elezioni comunali. “Vesprini è un interlocutore come lo saranno tutti i civici che vogliono sposare un progetto di rilancio della città”. Per le provinciali Petrini ha escluso che ci possano essere i presupposti per fare una lista unica con tutti i partiti.

 

 

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti