facebook twitter rss

Elezioni 2022, quarto polo alle prese col programma. Laurenzi: “Noi sulla scia del progetto Spazzafumo”

PORTO SAN GIORGIO - Tre liste civiche ed un candidato sindaco, Giancarlo Fermani, per il quarto polo. Si lavora intanto alla bozza del programma che dovrebbe essere pronto per novembre. Dario Laurenzi: "Guardiamo al modello San Benedetto che ha portato alla vittoria Spazzafumo" Dario Laurenzi del quar
Print Friendly, PDF & Email

di Sandro Renzi

“E’ una candidatura che sta in campo” così Dario Laurenzi, tra gli artefici del quarto polo in vista delle elezioni 2022, commenta la scelta di puntare su Giancarlo Fermani, già vicensindaco dell’Amministrazione Amici, per il dopo Loira. La priorità però è il programma. I tempi per chiuderlo sono ormai vicini. “A novembre avremo pronta la bozza a cui stanno lavorando alcuni referenti. Si tratta di un documento che prende in esame alcuni argomenti più importanti per offrire quella che sarà la nostra visione futura di Porto San Giorgio”. Il confronto è costante ormai da settimane. “C’è un gruppo di lavoro di cui fa parte anche Maurizio Temperini (ex consigliere comunale ndr) a cui è stato affidato il compito di stilare il nostro programma” prosegue l’ex esponente del Pd.

Fermani, in questa fase, starebbe invece curando l’aspetto relativo alle candidature. Si ipotizzano, infatti, tre liste civiche per questo quarto polo. Incontro con altri partiti e movimenti ci sono già stati e ci saranno anche nelle prossime settimane. Prematuro, però, dire chi farà parte e chi non di questa compagine. “Fatto il programma dovremo fare un passaggio con la città -prosegue ancora Laurenzi- e portare a conoscenza di tutti ciò che intendiamo fare e proporre. Il collante per allargare la coalizione dovrà essere il programma”. Un pò come avvenuto in occasione delle due ultime elezioni nel campo del centrosinistra.  Anche se il modello a cui si guarda è quello che ha portato alla vittoria il neosindaco di San Benedetto del Tronto, Antonio Spazzafumo. “Un progetto che può essere di esempio -dice Laurenzi- con liste civiche ma che hanno una cultura politica. Non rinneghiamo infatti il ruolo dei partiti”. Quella di Giancarlo Fermani, al momento, è la prima candidatura ufficiale a sindaco di cui si abbia contezza in città. Nel centrosinistra, infatti, si naviga a vista nel tentativo di individuare una figura che potrebbe essere terza rispetto ai partiti tradizionali, Pd compreso. Il capogruppo di Psg a Sinistra, Renato Bisonni, è tra quelli che punterebbe su un soggetto “federatore” ed in grado di compattare tutte le anime del campo progressista. Nel centrodestra le cose non vanno meglio. In ballo resta l’ipotesi del segretario dell’Udc, Stefano Cencetti. A giorni ci sarà una nuova riunione tra Fi, FdI, Lega e Udc per confrontarsi sui nomi dopo una prima scrematura che avrebbe sgombrato dal tavolo quanti hanno già rivestito ruoli come amministratori comunali. Ci sono poi le liste civiche dei Valerio Vesprini che sono pronte a correre da sole e a sostenere anche la candidatura a primo cittadino dell’ex assessore allo sport ed ai lavori pubblici.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti