facebook twitter rss

Il Santuario del Pianto torna alla sua normalità: “Per completare i lavori manca un ultimo intervento”, si cercano fondi

FERMO - Don Michele Rogante: "Per completare i lavori, manca un terzo importante intervento di restauro pittorico che andrà ad interessare tutta la parte “bassa” del santuario (dal cornicione in giù), e che verrà messo in programma non appena sarà possibile reperire i fondi necessari"
Print Friendly, PDF & Email

Riaperto al culto già da un mese, era il primo novembre, con una messa presieduta dall’Arcivescovo di Fermo, monsignor Rocco Pennacchio, il Santuario del Pianto sta pian piano tornando alla sua normalità dopo un lungo periodo di chiusura ed inattività dovuto ad importanti restauri. Ogni giorno, dalle 7,30 alle 19, è possibile visitare il Santuario per un momento di silenzio e preghiera, meditazione e confessione: alle 18, si celebra la Santa Messa presieduta dal rettore don Giovanni Colombo. Entrando nel Santuario, oltre allo splendido simulacro della Madonna del Pianto sopra l’altare centrale, l’occhio viene catturato dai risultati dei due interventi finora eseguiti: il restauro e consolidamento che ha sanato i danni del terremoto ed il restauro pittorico della cupola e della navata centrale, grazie al quale si è potuto riportare nella loro originaria bellezza le decorazioni della parte alta della chiesa (dal cornicione in su).

 

“Per completare i lavori, manca un terzo importante intervento di restauro pittorico che – spiega don Michele Rogante – andrà ad interessare tutta la parte “bassa” del santuario (dal cornicione in giù), e che verrà messo in programma non appena sarà possibile reperire i fondi necessari. Ad oggi, purtroppo, pur avendo sanato tutti i danni del terremoto e recuperato la possibilità di fruire di questi spazi in piena sicurezza, rimangono ancora in vista, nelle parti più basse, le ‘macchie bianche’ di intonaco in attesa di restauro. Per continuare a sostenere il santuario nelle importanti spese dei restauri, è possibile effettuare una donazione chiedendo informazioni al proprio parroco o facendo un bonifico all’Iban: IT-58-R-06150-69450-CC0010089780, beneficiario: ‘Santuario Maria SS. del Pianto’, specificando come causale ‘Restauro 2021’. Sosteniamo con forza questo polmone di fede e di spiritualità della città di Fermo, ma importante per tutta l’Arcidiocesi”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti