facebook twitter rss

ITS smart academy, il futuro si costruisce in aula: gli studenti di meccatronica ‘dentro’ la tecnologia della Hugo Boss

ITS - Presentazione dell’azienda, poi della produzione, aspetto chiave per gli studenti dell’Its spiegato dal responsabile della produzione.
Print Friendly, PDF & Email

Innovare il bello e ben fatto. Per riuscirci, gli studenti iscritti ai corsi dell’Its, Istituto tecnico Superiore, che garantisce ai giovani formazione di alto livello pensata insieme con le imprese, studiano dentro e fuori le aule di scuola.

“Parliamo di corsi che sono pensati e modellati sulle esigenze del territorio in primis. L’obiettivo, infatti, è quello di dotare le aziende di capitale umano preparato e pronto. Per riuscirci c’è un doppio binario, quello in aula e quello del tirocinio pratico dentro le imprese” spiega Andrea Santori, presidente della Fondazione Its Smart con sede a Porto Sant’Elpidio.

I corsi pensati dalla Fondazione attirano studenti da tutto il centro Italia, ma soprattutto sono in continua evoluzione, grazie a percorsi di studio, con sede nelle tre province del sud delle Marche, modulabili che vanno dalla comunicazione e marketing all’innovazione del prodotto fino allo sviluppo di software.

Ed è così che pochi giorni fa si sono aperte, per gli studenti del corso in Meccatronica di Fermo, le porte di una delle principali aziende della moda del distretto fermano-maceratese: la Hugo Boss a Morrovalle. “Ore di immersione nello stabilimento che si occupa principalmente di sviluppo, industrializzazione e produzione di calzature da uomo di alta gamma del brand” illustra uno dei docenti, il professionista Stefano Berdini.

Presentazione dell’azienda, poi della produzione, aspetto chiave per gli studenti dell’Its spiegato dal responsabile della produzione. “Occupandoci di programmazione della produzione e logistica, è stato importante per i ragazzi confrontarsi così come con chi si occupa della facility che ci ha mostrato prima il sistema di monitoraggio e controllo di tutta l’impiantistica dello stabilimento (forza motrice, impianto idraulico, aria compressa, riscaldamento e condizionamento, illuminazione, ecc.) per farci capire come l’automazione possa essere utile e fondamentale per assicurare impianti e personale e soprattutto garantire le emissioni di qualsiasi inquinante” prosegue il docente.

Il presidente della Fondazione Its di Fermo, Andrea Santori

Quello della sostenibilità è un tema sempre più importante per le imprese, anche della moda.

Per riuscirci, le aziende abbinano alla maestria manifatturiera dei dipendenti le migliori tecnologie. Come nel caso della Hugo Boss e dell’isola robotizzata ad alta automazione per le operazioni di cardatura e incollaggio delle calzature.

Formazione dentro e fuori l’azienda. Interna perché l’operaio viene a sua volta formato per diventare anche un controllore di sistema, esterna grazie agli Its e, ovviamente, alle Università, che mirano a dare nel biennio pre esame le competenze necessarie per arrivare in azienda ed essere un fattore di sviluppo” conclude Santori.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti