facebook twitter rss

Sutor sconfitta nello scontro diretto di Giulianova, la situazione diventa complicata

SERIE B - La sfida salvezza in casa del Giulia Basket finisce ad appannaggio dei padroni di casa, che salgano a quota 6 in classifica, lasciandosi i calzaturieri alle spalle con solo due gettoni di graduatoria, frutto dell'unico successo di torneo maturato in quel di Roma. Per i gialloblù arriva dunque la decima sconfitta stagionale in dieci partite disputate
Print Friendly, PDF & Email

La palla a due di serata

GIULIANOVA (TE) – Ancora una sconfitta, la decima stagionale su undici partite per la Sutor Montegranaro caduta stavolta nello scontro diretto con Giulia Basket Giulianova per 67-62.

I 14 rimbalzi in più concessi agli avversari hanno fatto la differenza, ma anche al tiro i gialloblù non sono stati in grado di incidere al meglio.

La Sutor ha tirato bene dalla lunetta, ha limitato le palle perse, ma sotto i tabelloni in divario è stato ampio e la difesa a zona proposta da Foglietti ha fatto troppo male, perché i tiratori non sono stati in grado di perforarla.

IL TABELLINO

GIULIA BASKET GIULIANOVA 67: Nafea ne, Scarpone S. ne, Bischetti, Giacomelli 11, Di Carmine 8, Giansante, Motta 13, Cianci 10, Fattori 20, Buscaroli 5, Pulcini ne. All. Foglietti

SUTOR BASKET MONTEGRANARO 62: Galipò 10, Masciarelli 11, Angellotti, Korsunov 4, Alberti 11, Malloni ne, Ambrogi ne, Verdecchia ne, Barbante ne, Botteghi 11, Murabito 3, Crespi 12. All. Baldiraghi

ARBITRI: De Rico di Venezia e Bastianel di San Vendemiano (Treviso)

PARZIALI: 19-18, 40-27, 51-47

NOTE: Tl: Giulia Basket 13/18, Sutor 21/22. Tiri da 3 Punti: Giulia Basket 2/16, Sutor 3/22. Rimbalzi: Giulia Basket 42, Sutor 28

LA CRONACA

Avvio di contesa equilibrato, 8-6 per i padroni di casa dopo 2’30”. In questo frangente sale in cattedra Fattori che con una tripla e un canestro dal campo scava il primo solco nel punteggio, 15-8 dopo 5’24”. La Sutor non riesce subito a reagire, sul 19-12 però la squadra di Baldiraghi piazza un parziale di 0-7 e dopo 10’ il punteggio è di 19-18.

Galipo’ in azione in terra taramana

Il secondo quarto si apre con una parziale di 9-0 per gli abruzzesi e la Sutor scivola sul meno 10, 28-18 con Murabito in panchina gravato di 4 falli. Giulia Basket domina sotto i tabelloni ed innesca bene i suoi lunghi. Questo fattore incide molto sulla partita e gli abruzzesi arrivano al massimo vantaggio, più 16 al 18’ sul 38-22. Al riposo lungo il punteggio è di 40-27 con la Sutor che tira con 1/13 da tre punti.

Alla ripresa del gioco i calzaturieri sono più pimpanti e grazie alla regia sapiente di Galipò riescono a risalire nel punteggio prima sul 44-42 al 25’ e poi hanno anche la possibilità di pareggiare, Masciarelli realizza solo un tiro libero con i calzaturieri a solo una lunghezza di ritardo, 46-45 al 27’. Giulianova a questo punto in difesa sceglie l’adeguamento a zona 2/3 e in attacco cerca con più continuità i lunghi. Anche la Sutor sceglie la zona e al 30’ il punteggio è di 51-47.

Nell’ultimo periodo la squadra di Foglietti, complice anche il quarto fallo di Galipò chiude tutte le linee difensive e si riporta a più 8, 60-52 al 34’30”. La Sutor in attacco va a sprazzi, Murabito non garantisce una buona regia e Baldiraghi deve rimandare nella mischia Galipò. Dopo il 62-57 a 5’ dal termine, Giulianova con un parziale di 4-0 si porta sul più nove, 66-57. Murabito con una tripla prova a contenere il ritardo, ma ormai è troppo tardi. Giulianova dopo nove sconfitte consecutive ritrova la via del successo e sale a quota sei punti in classifica, la Sutor rimane a quota due con una situazione abbastanza complicata.

LE DICHIARAZIONI

Ancora un passo falso, stavolta più difficile da digerire perché arrivato contro una diretta concorrente alla lotta per la salvezza. La Sutor Montegranaro, come sopra riportato, ha perso a Giulianova in una partita dove l’approccio sbagliato l’ha compromessa fin dall’avvio. Poi, la truppa gialloblù è stata brava, nella seconda parte a rimettersi in corsa però, questo non è bastato ad evitare la sconfitta.

Coach Massimiliano Baldiraghi, che gara è stata quella con Giulia Basket Giulianova?

“Una partita in cui abbiamo sbagliato l’approccio e dove i ragazzi probabilmente non hanno capito che era importantissimo vincerla. In avvio siamo stati molli, non facendo quello che avevamo preparato e stavolta sono veramente molto arrabbiato con i miei giocatori che non hanno capito quanto fosse fondamentale questa gara nell’economia del nostro campionato. In questo torneo, se ogni partita non viene giocata con il coltello tra i denti, poi diventa difficile portare a casa il risultato. Nel secondo tempo con una adeguamento tecnico della zona allungata, siamo stati bravi a rientrare nel match poi però, quando dovevamo fare cose importanti, non siamo stati in grado di produrle al meglio con i giocatori che hanno dimostrato di essere meno esperti rispetto ai vari Fattori, Di Carmine e Motta. Peccato perché nelle ultime partite giochiamo anche alla pari con i nostri avversari poi, quando bisogna fare la cosa giusta, la sbagliamo”.

Avete concesso 14 rimbalzi in più agli avversari, un aspetto questo che ha messo in discesa la partita degli avversari?

“I rimbalzi ci hanno condizionato soprattutto perché la Sutor ha concesso troppi secondi tiri fondamentali a Giulianova, in particolare nell’ultimo quarto dove quando loro hanno sbagliato, noi non siamo stati svegli a recuperare il rimbalzo. Se fossimo riusciti a recuperare qualche palla in più sotto le plance, la sfida poteva anche prendere una direzione opposta. Poi, il dato sconfortante è stato quello che abbiamo tirato con il 38% da due punti e con il 14% da tre punti, così è molto difficile poter vincere le partite tenendo conto che Giulianova è stata molto brava all’interno del pitturato. Siamo stati bravi a creaci dei tiri aperti muovendo bene la palla però, poi bisogna fare canestro e se non ci riesci diventa tutto più difficile”.

Domenica arriva il derby con Senigallia, che gara si aspetta?

“Una partita che per noi è un crocevia importante. Una cosa che ci siamo detti con i ragazzi e quella che non vogliamo arrivare a Natale ed occupare ancora l’ultimo posto in classifica. Il nostro obiettivo era quella di lasciare l’ultimo posto, non abbiamo vinto a Giulianova, ora bisogna farlo con Senigallia, che in questo momento è una delle più belle sorprese del campionato per quello che è riuscita a fare in queste prime dodici partite. Cercheremo di allenarci bene ed essere più svegli, duri e cattivi, bisogna farlo per passare un Natale più tranquillo”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti