facebook twitter rss

L’attività del Consiglio Comunale di Fermo va in archivio: 120 atti discussi nel 2021

FERMO - Nell'anno passato si sono svolte 12 sedute che hanno visto un'intensa attività consigliare riguardante ordini del giorno inerenti alla città e adesioni a campagne nazionali. Il Presidente Francesco Trasatti: "Ringrazio tutti i consiglieri comunali per l'impegno profuso così come i Presidenti delle Commissioni per l'attività istruttoria sugli atti portati nella civica assise, che testimonia l'importanza di un organo nell'ambito del quale vengono discussi i principali temi riguardanti la città, sulla base delle competenze che la legge e la normativa riconosce ad esso"
Print Friendly, PDF & Email

In archivio per il 2021 anche l’attività del Consiglio Comunale di Fermo. Civica assise che conferma il proprio ruolo con numeri che parlano da soli: dall’inizio del mandato si sono svolte 12 sedute, 120 sono stati gli atti discussi nel complesso, “fra cui – ricorda il Presidente del Consiglio Comunale Francesco Trasatti nel tracciare un resoconto – come noto le sessioni con le parti dedicate al bilancio e ai piani delle opere pubbliche, l’approvazione della delibera per il riconoscimento dell’alto valore culturale, sociale e civico della Cavalcata dell’Assunta, l’istituzione della Commissione Pari Opportunità, le modifiche dello Statuto per gli strumenti attuativi della Commissione stessa e quelle relative alle politiche sul lavoro, i regolamenti per Tari, Edilizia Residenziale Pubblica e Polizia Locale, la variante per il campo da rugby di Marina Palmense o anche il recente atto d’indirizzo per la realizzazione del biodigestore”.

“Un’attività intensa, per cui ringrazio vivamente tutti i consiglieri comunali per l’impegno profuso così come i Presidenti delle Commissioni per l’attività istruttoria sugli atti portati nella civica assise, che testimonia l’importanza di un organo come il Consiglio nell’ambito del quale vengono discussi i principali temi riguardanti la città, sulla base delle competenze che la legge e la normativa riconosce ad esso – prosegue il Presidente che aggiunge – degli atti discussi, 15 sono state le interrogazioni presentate e 22 le mozioni e gli ordini del giorno fra i quali, ad esempio, l’adesione alle campagne nazionali per la verità sulla morte di Giulio Regeni e sulla liberazione di Patrick Zaki, il sostegno al ddl Zan o l’intitolazione del futuro ambulatorio medico di Lido Tre Archi a Gino Strada, spesso approvate a maggioranze molto ampie, ben oltre i singoli consiglieri proponenti, a testimonianza di come il Consiglio sia sempre di più luogo del confronto e del dibattito cittadino”.

Senza dimenticare la sensibilità dimostrata dall’intera assise sul tema della prevenzione in tema di infortuni e incidenti sul lavoro, ospitando in una sessione l’Anmil territoriale che ha presentato la propria attività in occasione della giornata nazionale sulle vittime sul lavoro. Consiglio Comunale che nel segno del più ampio dibattito e partecipazione ha visto anche, già per due volte, le audizioni dei Presidenti e amministratori di Asite, Solgas e Pharmacom per dare così conto in modo esaustivo e completo delle attività degli organismi stessi e favorire il più possibile un dibattito consapevole.

“In un 2021 ancora caratterizzato dall’emergenza sanitaria, dall’inizio del mandato – conclude il Presidente – le varie sessioni si sono tenute nella stretta osservanza delle dispozioni nazionali vigenti in materia di contrasto al Covid 19, con sedute in presenza, on-line o anche in forma mista (in presenza e on-line, come nel caso dell’ultimo Consiglio), in stretto raccordo con le linee guida che ci siamo dati nella Conferenza dei Presidenti dei Consigli Comunali in ANCI Marche, cercando di favorire la partecipazione di tutti i consiglieri, secondo tutte le sensibilità presenti. Senza dimenticare la possibilità che viene data comunque, a prescindere dall’attuale momento storico, a tutti i cittadini da un anno a questa parte, di poter seguire sul sito comunale www.comune.fermo.it le dirette streaming dei Consigli e poter visionare le sedute in archivio, quali atti di trasparenza e condivisione dovuti sull’attività dell’organo”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti