facebook twitter rss

Scomparso da 80 giorni, ripartono le ricerche. I familiari: “Non ci daremo pace finché non sapremo che sta bene”

PORTO SANT'ELPIDIO - L'appello della famiglia al 50enne Andrea Del Moro: "Chiamaci, facci sapere che stai bene. Non devi ritornare a casa se non vuoi, noi siamo felici se tu sei felice. Noi non ci daremo pace finché non sapremo che stai bene zio. Se leggi queste parole fai una telefonata a mamma, so che lo sai a memoria il numero, lei senza di te non è più la stessa"
Print Friendly, PDF & Email

Le ricerche a Porto Sant’Elpidio (foto da Fb della Protezione civile Sant’Elpidio a Mare)

di redazione CF

Sono ripartite ieri, su input della Prefettura, le ricerche di Andrea Del Moro, 50enne allontanatosi da casa senza lasciare più tracce lo scorso 23 ottobre a Porto Sant’Elpidio. Dopo le iniziali ricerche, ieri le forze dell’ordine, i Vigili del Fuoco e la Protezione civile, sono tornati in strada per cercarlo. E oggi le ricerche continuano.

L’uomo si è allontanato da casa senza soldi né patente. Nessuna traccia lasciata in quasi tre mesi di ‘oblio’. Di lui si è occupata anche la trasmissione ‘Chi l’ha visto?’. Un gesto, si augurano tutti, volontario ma che comunque preoccupa. Si perché Andrea, stando ai racconti dei familiari, è sì una persona riservata ma non certo un uomo che potesse far pensare a un allontanamento del genere, dalla sera alla mattina, un abitudinario insomma. La sua vicenda la sta seguendo anche l’associazione Penelope che ha dato nuovo impulso alle ricerche. E i familiari non mollano, continuano a sperare in un esito felice della vicenda, continuano a sperare di poter riabbracciare il loro Andrea o, quantomeno, di avere il prima possibile un suo segnale che li rincuori.

Di Andrea ha parlato anche il sindaco Nazareno Franchellucci in occasione della giornata per le persone scomparse lo scorso 10 dicembre.

Ringraziamo le forze dell’ordine, i Vigili del fuoco e la Protezione civile che si stanno adoperando per le ricerche sul territorio di zio Andrea, ma la nostra speranza è che lui sia vivo e che possa leggere le nostre parole: Andrea chiamaci, facci sapere – l’appello della nipote Jessica, a nome dei familiari – che stai bene. Non devi ritornare a casa se non vuoi, noi siamo felici se tu sei felice. Zio Ferruccio sta bene e ci siamo occupati di tutto. Non hai mai voluto ‘disturbare’, ma noi non ci arrendiamo nel cambiare le sorti del nostro rapporto. Il legame, il sangue che ci lega e ci legherà per sempre, deve permetterci di risolvere questa avversità e di riunirci nella comprensione. Noi non ci daremo pace finché non sapremo che stai bene zio. Se leggi queste parole fai una telefonata a mamma, so che lo sai a memoria il numero, lei senza di te non è più la stessa”.

Giornata delle persone scomparse, Franchellucci e Ferracuti: “Ci tocca da vicino con un nostro concittadino”

Porto Sant’Elpidio finisce su ‘Chi l’ha visto?’: di un uomo non si hanno notizie da 12 giorni, l’appello dei familiari

Si allontana da casa e i familiari non sanno dov’è, l’accorato appello: “Facci avere tue notizie”


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti