facebook twitter rss

Fermana e Montepacini, un legame indissolubile

FERMO - Consegnati stamane i kit sportivi, da parte del sodalizio gialloblù di Serie C, alla speciale compagine di Quarta categoria, per un connubio che si conferma del tutto vincente. All'interno del "Bruno Recchioni" tante le personalità, sportive ed istituzionali, intervenute e vicine alle buone sorte dei ragazzi di mister Calcinaro
Print Friendly, PDF & Email

 

FERMO – Una mattina baciata dal sole e dal colore degli splendidi ragazzi della Soccer Dream Montepacini, ospiti della Fermana allo stadio “Bruno Recchioni“.

L’appuntamento era in programma per consegnare ufficialmente il nuovo materiale tecnico che la Fermana ha inteso mettere a disposizione della Soccer Dream appunto, formazione che milita nel campionato di quarta categoria e rappresenta una parte fondamentale del mondo Fermana. Emozionati i ragazzi della Soccer Dream con i loro accompagnatori e con il tecnico Marco Calcinaro da sempre vicinissimo e il presidente Andrea Palazzetti. Di prestigio anche la rappresentanza della Divisione Calcio Paraolimpico e sperimentale presente con Lorenzo Mairano della segreteria e con il coordinatore dell’area sportiva Danilo Oppedisano che la Fermana ha voluto omaggiare con un piccolo dono e alcuni gadget.

Per i ragazzi invece sono arrivati borsoni da allenamento per tutti quanti, insieme ai calzettoni da gara oltre alle tute rappresentanza per gli accompagnatori. Una fornitura che va a chiudere un cerchio, completando i kit consegnati lo scorso anno con le divise da gioco e molto altro ancora. Saluti di rito, la gioia negli occhi e qualche foto prima di una corsa dietro un pallone nello scenario del Bruno Recchioni con una improvvisata sfida dagli undici metri che ha coinvolto tutti i presenti. A fare gli onori di casa l’assessore allo sport Alberto Maria Scarfini mentre la Fermana era rappresentata dal presidente Umbero Simoni, dalla responsabile marketing Lucia Polci, dal segretario Maurizio Stinco e dal club manager Walter Matacotta.

«Cari ragazzi, per noi siete un fiore all’occhiello e un nostro grandissimo orgoglio. In Italia ci sono molte minoranze e queste devono avere grande considerazione e rispetto. Mi auguro che tutti insieme si possa arrivare al traguardo finale, fatto di rispetto e amore reciproco camminando con lo stesso passo. Siete degli esempi di passione e spirito sportivo, in voi c’è l’essenza vera dello sport», le parole di Simoni rilasciati ai canali social gialloblù.

Gli ha fatto eco l’assessore Scarfini. «Con il Montepacini il rapporto è ormai strettissimo e sincero. Porto non solo il mio saluto ma anche quello del sindaco Paolo Calcinaro. Siete una cosa splendida ragazzi e una autentica luce per la nostra città. Siete voi che ci indicate la via e i valori che fanno di Fermo un centro sempre attento realtà di questo genere».

«Facciamo i complimenti a queste due realtà che vivono questo cammino in simbiosi ormai da alcuni anni, sempre con grande disponibilità da parte di entrambi – il commento di Mairano -. Con il Montepacini il rapporto da parte della federazione c’è da sempre ed è un piacere essere presenti quest’oggi a questo evento che ci riempie di orgoglio. Come federazione siamo vicini a queste realtà anche in una fase non semplice come questa».

«Non sono sorpreso da questa vicinanza tra le due realtà perché già diverse iniziative sono state fatte nel corso del tempo. E’ un bellissimo esempio e un rapporto molto importante perché il Montepacini è sempre coinvolto negli eventi organizzati dalla Fermana – le parole di Oppedisano -. Ai ragazzi possiamo dire inoltre di tenere duro ancora per un po’ perché speriamo veramente di poter tornare in campo nel prossimo mese di marzo con le gare ufficiali».

«Innanzitutto il mio grazie personale ad Oppedisano e Mairano perché in pratica li disturbiamo quotidianamente per essere aggiornati sulla situazione attuale – le riflessioni di mister Calcinaro -. Con la Fermana quella di oggi è la conferma del rapporto che stiamo portando avanti con grande soddisfazione, con tante iniziative. Abbiamo sempre ricevuto grande disponibilità e sono felice di questo per i nostri ragazzi. E’ bello vederli felici».

«C’è grande gioia nei nostri ragazzi per tutto questo e possiamo dire molti grazie quest’oggi. Alla federazione che ci è vicina e ci permette di disputare il campionato di Quarta categoria che speriamo di tornare proprio a giocare presto. Il grazie a tutti quelli che ci seguono ma anche al Comune che ci è vicino ma il grazie grande va anche alla Fermana che ci sostiene e che ci permette di essere nel loro mondo. Niente però avrebbe significato senza questi ragazzi spettacolari: possiamo tornare a casa dopo aver vinto o perso di 15 gol ma non cambia nulla. C’è sempre il sorriso nel loro volto in ogni circostanza e questo significa che siamo veramente una famiglia, non una squadra. E’ la cosa più bella», le conclusioni di Palazzetti.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti