facebook twitter rss

Il Kiwanis di Fermo per i bimbi del Murri: donate uova di Pasqua a Pediatria

FERMO - La presidente Ida Capriotti: «Un piccolo gesto di solidarietà e di sensibilità fatto con il cuore - ha detto la presidente Capriotti - la volontà del Kiwanis è sempre quella di essere vicina a chi ha bisogno e in prossimità delle festività pasquali non potevano non pensare ai bambini, ai più piccoli, trasmettendo loro un messaggio di incoraggiamento. Un’iniziativa di sostegno che segue tutte quelle che il Kiwanis organizza ogni anno per la città ed il territorio, non dimenticando mai chi si trova nel bisogno e necessita di azioni di sostegno e di aiuto concrete»
Print Friendly, PDF & Email

Le feste, non è retorica, sono principalmente momenti di gioia per i bambini. Ed a loro, a quelli che in questo momento sono ricoverati nel reparto di Pediatria dell’ospedale “Murri” di Fermo, ha pensato il Kiwanis Club di Fermo che ieri ha donato uova di Pasqua per i piccoli degenti. Un gesto semplice ma di grande significato, carico di amore e di vicinanza.

A consegnarle in reparto, alla presenza de primario dell’Unità Operativa, Luisa Pieragostini, degli altri medici e infermieri, la presidente Ida Capriotti ed alcune volontarie. Presenti anche gli assessori comunali Mirco Giampieri e Alessandro Ciarrocchi che hanno ricordato come «il club sia sempre attivo e vicino a situazioni che necessitino di un sostegno, come avviene da diverso tempo. Si ricorderanno le donazioni fatte in questi anni per persone e famiglie in stato di disagio economico».

«Un piccolo gesto di solidarietà e di sensibilità fatto con il cuore – ha detto la presidente Capriotti – la volontà del Kiwanis è sempre quella di essere vicina a chi ha bisogno e in prossimità delle festività pasquali non potevano non pensare ai bambini, ai più piccoli, trasmettendo loro un messaggio di incoraggiamento. Un’iniziativa di sostegno che segue tutte quelle che il Kiwanis organizza ogni anno per la città ed il territorio, non dimenticando mai chi si trova nel bisogno e necessita di azioni di sostegno e di aiuto concrete».


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti