facebook twitter rss

Riqualificazione e rifunzionalizzazione dell’ex collegio Fontevecchia: continuano i lavori del secondo e terzo stralcio

FERMO - Il secondo riguarda il completamento del corpo centrale del lato ovest del complesso, il terzo sarà funzionale alla realizzazione del museo archeologico. Calcinaro: «Un'opera di riqualificazione strategica per la città»
Print Friendly, PDF & Email

Procedono parallelamente i lavori al complesso ex Fontevecchia, sia quelli del secondo stralcio di completamento del corpo centrale e del lato ovest, che vengono eseguiti dalla ditta Rizzo Costruzioni di Capaccio Paestum (SA), che quelli del terzo stralcio, funzionali alla realizzazione del museo archeologico. Si tratta dunque di interventi sia di rifunzionalizzazione del complesso che propedeutici a rendere il complesso, insieme alle Cisterne Romane, uno dei più importanti poli attrattivi culturali della città, in quanto come noto il terzo stralcio dei lavori è finalizzato alla realizzazione del museo archeologico che conterrà diversi spazi, fra cui quelli per reperti di epoca picena, di epoca romana, di epoca medievale, di storia del collezionismo del Fermano e un’area eventi all’aperto, nel cortile, fino a collegarsi con le Cisterne Romane. A questa azione, come noto, si sono aggiunti i finanziamenti, sempre nell’ambito del restauro e risanamento conservativo con miglioramento sismico del complesso, del Pnrr che hanno riconosciuto a fine 2021 al Comune di Fermo fondi per il recupero totale dell’ex Collegio Fontevecchia, per l’ampliamento delle aree per il museo, per la realizzazione di botteghe dell’artigianato locale e una Scuola di specializzazione sulla qualità dell’abitare.

 

Come ha sempre ricordato il sindaco Paolo Calcinaro si tratta di «un’opera quella della rifunzionalizzazione dell’ex Fontevecchia su cui l’amministrazione comunale crede e recuperare questo complesso come spazio polifunzionale e museale, anche grazie ai fondi del Pnrr, fino al collegamento con le Cisterne Romane, è veramente strategico e importante». I lavori, infatti, sono inseriti nel progetto sulla sistemazione dell’ex collegio Fontevecchia, nell’ambito dell’accordo tra Comune di Fermo e Regione Marche Por Fesr 2014/2020 – Asse 6. «Prosegue l’azione sull’ex Fontevecchia nel solco di quanto come amministrazione ci siamo prefissi, ovvero rigenerare immobili abbandonati per implementare la qualità urbana ed il tessuto sociale e ambientale, riducendo il consumo di suolo e prevedendo funzioni sociali e culturali all’interno di spazi strategici per la città. Un lavoro di squadra per cui ringrazio l’Ufficio tecnico comunale, l’Ufficio politiche comunitarie e la collaborazione con l’assessorato alla cultura» ha detto l’assessore ai lavori pubblici e alle Politiche Comunitarie Ingrid Luciani. «L’ex collegio Fontevecchia come polo culturale che arricchirà l’offerta museale della città è l’obiettivo che ci proponiamo, per cui – sottolinea l’assessore alla cultura Micol Lanzidei – è importante recuperare e riqualificare il complesso, con il museo archeologico che culminerà con un importante collegamento con le sottostanti Cisterne Romane. Dunque nel cuore del centro storico, avremo un percorso museologico unico e nevralgico».


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti