facebook twitter rss

Tenkorang non perdona. La Fermana si arrende all’Entella

SERIE C – Basta un gol dell'attaccante ligure per superare i volitivi gialloblù tra le mura amiche. La squadra canarina gioca una partita sottotono contro una delle squadre migliori del girone e incappa nella prima sconfitta casalinga, la seconda in campionato
Print Friendly, PDF & Email

di Matteo Malaspina

FERMO – Capitola al Recchioni la Fermana contro l’Entella, una delle squadre favorite del girone. Gli uomini di mister Protti ci hanno messo tanto orgoglio per recuperare il vantaggio di Tenkorang al 42′ del primo tempo ma i canarini non sono mai riusciti a rendersi pericolosi dalle parti di De Lucia. La Fermana paga la giornata no degli attaccanti e di Carosso, in difficoltà costante per tutto il match. È dalla sua parte che si sono sviluppate le azione più pericolose degli ospiti, con Zappella e Merkaj che hanno impensierito costantemente il numero 25 gialloblu uscito però tra gli applausi di incoraggiamento del Recchioni. Con questa sconfitta, la Fermana si avvicina pericolosamente nella zona play-out ma domenica c’è il derby contro l’Ancona, un’occasione ottima per reagire e spazzare via la delusione di questa sconfitta.

IL TABELLINO

FERMANA 0  (4-3-3): Nardi; Gkertsos (42′ s.t. Nannelli), Parodi G., Pellizzari, Carosso (24′ s.t. Spedalieri); Scorza, Giandonato, Misuraca; Romeo (42′ s.t. Pinzi), Bunino, Fischnaller (43′ s.t. Graziano). A disposizione: Borghetto, Eleuteri, Luciani, De Pascalis, De Nuzzo, Cardinali, Vessella, Lorenzoni, Grassi, Onesti, Maggio. All. Stefano Protti

ENTELLA 1  (4-3-1-2): De Lucia; Zappella, Reali, Chiosa, Barlocco; Tascone (32′ s.t. Dessena), Paolucci (8′ s.t. Rada), Palmieri(19′ s.t. Corbari); Tenkorang (32′ s.t. Di Cosmo), Zamparo (19′ s.t. Faggioli), Merkaj. A disposizione: Borra, Coly, Giammarresi, Favale, Doumbia, Meazzi, Parodi L.  All. Gennaro Volpe

ARBITRO: Abdoulaye Diop di Treviglio

RETI: 42′ p.t. Tenkorang

NOTE: Spettatori: 1512. Ammoniti: Paolucci, Scorza, Spedalieri, Faggioli, Giandonato. Corner: 3-3. Recupero: p.t. +4, s.t. +5 

LA CRONACA

Mister Protti recupera Fischnaller per l’attacco e lo lancia subito dal primo minuto nel tridente con Romeo e Bunino. Confermato il centrocampo delle ultime uscite, con Giandonato in mediana, Scorza e Misuraca mezzali. Difesa a quattro con Gkertsos a destra, Pellizzari e Parodi centrali, Carosso a sinistra, con De Pascalis che si siede in panchina non ancora al 100%.

Parte bene l’Entella e al 5′ minuto la prima occasione del match capita sul sinistro di Palmieri che raccoglie un traversone di Merkaj e da buona posizione non riesce a prendere la porta. Protesta la Fermana perché nel recupero palla dell’Entella lamenta un fallo su Carosso non ravvisato dal direttore di gara.

L’Entella ci prova dalla parte di Carosso a sfondare con il numero 33 Merkaj che mette in difficoltà il terzino della Fermana, spaesato e spesso fuori posizione ma la squadra ligure non riesce a finalizzare. E allora prova ad approfittarne la Fermana alla prima sortita offensiva con Fischnaller bravo a guadagnarsi una punizione dai 20 metri che calcia lo specialista Giandonato. La palla sfiora l’incrocio dei pali di poco.

Un momento del match tra Fermana e Entella

Fischia poco Diop e ciò ne beneficia il match che scorre piacevolmente, con grande intensità ma senza particolari occasioni da gol. Almeno fino al 36′ quando Romeo riesce a sfondare da destra e a servire in mezzo Bunino che se la aggiusta e calcia. Bravo il portiere ospite De Lucia e respingere e, successivamente, a bloccare il colpo di testa di Fischnaller arrivato sugli sviluppi dell’azione.

Al 42′ il vantaggio dell’Entella. Perde palla la Fermana con un passaggio sbagliato di Gkertsos, i liguri allargano a destra per la corrente Zappella che arriva sul fondo e lascia partire un cross basso che Merkaj liscia ma trova il piede di Tenkorang il quale di prima batte Nardi.

All’intervallo il risultato è Fermana zero Entella uno.

Nella seconda frazione di gioco, l’Entella ha subito l’occasione per il raddoppio sulla testa di Reali che viene lasciato solo sugli sviluppi di un corner ma il centrale biancoazzurro non centra lo specchio. Ancora occasione per gli ospiti, 2 minuti dopo, su un calcio piazzato: Chiosa approfitta di una respinta corta di Nardi ma la conclusione termina alta.

Prova con il cambio modulo, mister Protti, a dare la scossa ai suoi inserendo Spedalieri e passando al 3-4-1-2 con Misuraca dietro la coppia d’attacco Fischnaller e Bunino. La Fermana prova a reagire più con l’orgoglio che con il gioco, spinti dai tifosi canarini, ma la difesa dell’Entella tiene bene e non concede nessuna occasione degna di nota ai canarini.

Al 37′ il neo entrato Di Cosmo prova a chiudere la partita ma è bravo Nardi a bloccare la conclusione.

La più grande occasione delle Fermana arriva al 42′ con una girata di Misuraca di poco alta. Il triplice fischio del direttore di gara dopo i 5 minuti di recupero sancisce la prima sconfitta casalinga per i canarini, la seconda in campionato. Domenica appuntamento al Del Conero nel derby contro l’Ancona: la partita giusta per rifarsi.

 

LE INTERVISTE

Amareggiato il tecnico della Fermana, Stefano Protti, alla fine del match. «Abbiamo fatto una discreta partita anche se siamo stati meno brillanti del solito. Dopo il gol subito si è vista una squadra intelligente che è stata sul pezzo, tenendo viva la partita fino al 95′. Loro ci hanno messo in difficoltà ma li abbiamo limitati e avremmo meritato il pareggio – dice Protti -. Tulissi tornerà in gruppo questa settimana e speriamo di averlo a disposizione per il match di domenica al Del Conero. Stiamo lavorando anche sul 3-5-2 ed è un modulo che potrei utilizzare anche dall’inizio quando incontreremo squadre con una fisicità importante davanti».

«Nello spogliatoio abbiamo il giusto atteggiamento e prepariamo bene le partita ma dispiace avere solo 7 punti nonostante le buone prestazioni. Alla Fermana questa sconfitta va stretta. Abbiamo un’ottima squadra, ben organizzata e che se la può giocare con tutti – aggiunge il centrocampista gialloblu Gianvito Misuraca -. Per noi è un orgoglio vedere i tifosi carichi con entusiasmo. L’unica cosa che posso garantire è che contro l’Ancona ce la metteremo tutta, così come facciamo sempre con tutte le squadre».

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti