facebook twitter rss

Nuova area di servizio per la collettività. Sollini e Sdolzini la sistemano e la donano al Comune (Le Foto)

FERMO - L'area si trova in contrada Ete. Oggi l’apertura ufficiale: ospita un parcheggio con più di 140 stalli. Il sindaco Paolo Calcinaro: «Servizi per un’area in evoluzione dal punto di vista produttivo». L'imprenditore Maurilio Sollini: «Punto di partenza per il nostro territorio nell'ottica della collaborazione tra privato e pubblico»
Print Friendly, PDF & Email

Nuova area a Fermo a servizio della collettività e del mondo del lavoro. E’ quella del parcheggio in contrada Ete nei pressi di Emporio Sollini e della Ciip Vettore a seguito della lottizzazione Sollini-Sdolzini che hanno così ceduto l’area al Comune per farne uno spazio pubblico. Questa mattina la consegna ufficiale alla presenza del sindaco Paolo Calcinaro, del vicesindaco e assessore alla viabilità Mauro Torresi, dei consiglieri comunali Luigi Acito e Roberto Simoni, e ovviamente degli imprenditori Maurilio Sollini e Vincenzo Sdolzini.

Presenti anche i tecnici ed i professionisti che hanno realizzato l’opera. Si tratta di 143 stalli, di cui 5 per disabili, che sorgono in un’area che può crescere ancora in termini di produttività e sviluppo, come ha ricordato il primo cittadino Calcinaro dopo la benedizione impartita dal parroco don Sergio Copponi. Presenti, tra gli altri, anche l’ingegner Virginia Recanati del Ciip che ha portato i saluti del presidente Giacinto Alati, e l’imprenditore Stefano Luzi di Tre Elle.
«Un’area parcheggio di servizio in una zona produttiva, grazie agli imprenditori Sollini e Sdolzini – ha detto il sindaco Paolo Calcinaro – i servizi in questa zona sono importanti, si tratta di un’area in evoluzione, ci sono spazi per la produttività liberi e quindi possibilità di ampliamento. Il parcheggio di oggi conferisce un’ottica diversa alla vocazione produttiva di quest’area, ne è un corollario». Inoltre il sindaco ha ricordato anche «l’idea che si sta portando avanti in Provincia con il presidente Michele Ortenzi di sfilare dal principio della compensazione di suolo le espansioni delle aree industriali proprio per facilitare imprenditori e produttività».

«Per noi – le dichiarazioni di Maurilio Sollini – questo è un punto di partenza per il nostro territorio, ed è l’esempio di collaborazione vincente tra privato e pubblico nell’ottica di una crescita e di un’implementazione nei collegamenti e nei servizi in questa zona produttiva». Maurilio Sollini e Vincenzo Sdolzini hanno riammodernato il terreno e lo hanno sistemato per poi donarlo al Comune: «Nell’ottica, appunto, di una virtuosa collaborazione con l’amministrazione e il sindaco».

f.s.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti