facebook twitter rss

Si aggira con un coltello nei pressi delle scuole: ex alunno bloccato dai carabinieri

FERMO - Raccolte le segnalaazioni giunte dalle scuole, i carabinieri del Radiomobile hanno rintracciato il giovane. Ora dovrà rispondere di possesso ingiustificato di strumenti atti ad offendere
Print Friendly, PDF & Email

I militari della Sezione Radiomobile della Compagnia di Fermo hanno denunciato alla Procura della Repubblica un ragazzo, da poco maggiorenne, per il reato di possesso ingiustificato di strumenti atti ad offendere.

«L’altra mattina, una gazzella della Radiomobile è intervenuta presso il Liceo Scientifico “Onesti” di Fermo, in seguito a richiesta telefonica giunta alla Centrale Operativa dell’Arma, da parte del personale docente. Dalla scuola, infatti – spiegano i carabinieri – era stata segnalata la presenza, nel parcheggio, di un giovane estraneo alle attività scolastiche, verosimilmente in possesso di un coltello».

I militari, immediatamente giunti sul posto hanno constatato che il ragazzo si era però già allontanato.

«Dopo aver acquisito la sua descrizione, i carabinieri hanno avviato le ricerche nella zona, rintracciando ed identificando il giovane, poco dopo, all’interno – aggiungono dal comando dei carabinieri – del cortile del vicino Istituto Tecnico Economico e Tecnologico “Carducci”. Si tratta di un ex alunno residente in provincia di Fermo. Nel corso del controllo, il ragazzo ha consegnato spontaneamente un coltello a serramanico, della lunghezza complessiva di 20 centimetri (dei quali 8,5 di lama) che custodiva all’interno di un marsupio. Non sono ancora noti i motivi per cui il giovane detenesse l’arma bianca. La perquisizione personale, per la ricerca di altre armi o eventuali altri oggetti atti ad offendere ha dato comunque esito negativo. I carabinieri hanno quindi sequestrato il coltello e denunciato il giovane alla Procura fermana per possesso ingiustificato di strumenti atti ad offendere».


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti