facebook twitter rss

Lutto nel mondo della scuola: è morto il preside Piero Ferracuti

FERMO - Il dirigente scolastico, alla guida da anni del Liceo Classico "Annibal Caro" di Fermo, si è spento questa sera all'età di 62 anni. Cordoglio e costernazione tra amici, colleghi, docenti, allievi ed ex studenti. Ha gestito le fasi emergenziali del terremoto e grande il suo impegno in occasione dei 700 anni della morte di Dante Alighieri

Piero Ferracuti

Daniele Iacopini e Giorgio Fedeli

Una notizia nefasta si è abbattuta questa sera dapprima sulla città di Fermo e poi, a seguire, sull’intero mondo dell’istruzione del Fermano: si è spento il dirigente scolastico del Liceo Classico “Annibal Caro”, Piero Ferracuti. Malato, le sue condizioni si erano aggravate da un paio di settimane fino al tragico epilogo di questa sera, quando all’età di 62 anni (tra un mese ne avrebbe compiuti 63) Ferracuti è spirato.

La notizia, dicevamo, si è rapidamente diffusa in serata facendo calare sulla città capoluogo di provincia, ma non solo, un velo di cordoglio e costernazione. In tanti piangeranno la sua scomparsa, amici e colleghi, insegnanti, allievi ed ex studenti non solo del Liceo Classico. Ferracuti aveva, infatti, raccolto le redini, nel 2011, dell’Annibal Caro, dove era stato prima studente e poi insegnante (di Italiano e Latino), dal suo predecessore Ciro Bove.

Uno dei suoi ultimi interventi sulle dinamiche scolastiche è stato proprio quello a Cronache Fermane, il 25 agosto scorso, nel commentare il trasferimento per un anno degli studenti del Classico all’ex ristorante “Mario” per consentire i lavori di ristrutturazione del tetto della sede storica del Liceo, in via Leopardi.

«Un uomo di grande umanità. Ha sempre mostrato attenzione nei confronti dei ragazzi e degli insegnanti. Una grande passione per Dante, per Leopardi, per il latino e il greco. Ha sempre avuto una parola di conforto per tutti» le poche parole, spezzate dal dolore, della sua vicepreside Emanuela Giuliani.

Il preside Ferracuti si è trovato a dover gestire uno dei momenti più delicati della storia del Liceo a causa del sisma del 2016 quando le condizioni dell’edificio che accoglie il Classico hanno creato non pochi disagi alla normale attività scolastica con classi che sono state spostate anche in altri plessi o strutture private. Ferracuti ha dovuto fronteggiare anche le grandi preoccupazioni dei familiari degli studenti e lo ha sempre fatto con discrezione. E’ stato comunque lui a promuovere nuovi corsi all’interno dell’Annibal Caro e grande è stato il suo impegno in occasione del 700esimo anniversario della morte di Dante Alighieri accompagnando il comitato fermano e avviando nel 2021 una serie di conferenze, terminate lo scorso anno, e trasferite in atti che saranno presentati in occasione dei 130 anni di attività della “Dante Alighieri” di Fermo.

Alla famiglia, a partire dalla moglie Maria Chiara Leonori, le più sentite condoglianze da parte delle redazioni di Cronache Fermane e Radio Fm1.

(notizia in aggiornamento)

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA



Torna alla home page



1 commento

  1. 1
    Andrea Vitali il 6 Settembre 2023 alle 11:14

    Condoglainze, ho un bel ricordo per l’umanità della persona verso gli Studenti.

Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti