facebook twitter rss

Raid notturno nell’appartamento, i ladri ripresi dalle telecamere: costretti alla fuga dall’arrivo dei carabinieri

PORTO SANT'ELPIDIO - L'sos è stato lanciato intorno alle 22,30. Così sul posto, nel quartiere Corva, sono arrivati i militari dell'Arma con due pattuglie. A quel punto ai banditi non è restato altro da fare che fuggire. Non si erano accorti di essere ripresi dalle telecamere di videosorveglianza che hanno anche fatto scattare l'alert ai proprietari di casa

di redazione CF

Hanno prima smontato un’inferriata a una finestra e poi si sono introdotti nell’appartamento in cerca di qualsiasi oggetto di valore. Ma non immaginavano di essere filmati dalle telecamere di videosorveglianza. E quando sono arrivati i carabinieri, per quei due malviventi non è rimasta altra soluzione che la fuga. E’ in sintesi il racconto del tentato furto avvenuto ieri sera nel quartiere Corva di Porto Sant’Elpidio.

Due banditi, volti coperti da passamontagna, hanno preso di mira un appartamento. E alle 22,30 sono entrati in azione. Noncuranti del fatto che alle 22,30 potrebbe comunque esserci qualcuno ancora in giro, non parliamo infatti di notte fonda, hanno smontato le inferriate a una finestra per poi intrufolarsi all’interno dell’appartamento preso di mira. Non è affatto da escludere che i ladri abbiano prima studiato i movimenti degli inquilini. Sì perché nella casa non c’era nessuno al momento del raid, quindi è verosimile che abbiano atteso che in casa non vi fosse nessuno per poi far scattare il loro piano che, però, da lì a breve sarebbe naufragato.

La casa, infatti, è dotata di un sistema di videosorveglianza che ha anche lanciato l’alert ai proprietari. E così, con i ladri “immortalati” dalle telecamere, è scattato l’sos al numero unico di emergenze 112. Sul posto sono così arrivate due pattuglie dei carabinieri per coglierli con le mani nel sacco. Ma i banditi sono comunque riusciti a fuggire, magari avvisati da un qualche “palo” appostato in strada proprio per vigilare sull’arrivo di qualcuno, se non addirittura delle stesse forze dell’ordine. E ora è caccia ai malviventi.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti