Spazio pubblicitario elettorale
Mirco Carloni
Graziella Ciriaci
facebook twitter rss

Consorzio Vini Piceni al “Vinitaly” con importanti numeri

PREVISTI due appuntamenti di rilievo all'interno della collettiva. Le migliori etichette in degustazione permanente sulla "Terrazza Marche"

 

Il Consorzio di Tutela Vini Piceni sarà presente anche quest’anno al Vinitaly di Verona, che si terrà dal 14 al 17 aprile, con una importante presenza di aziende associate. Saranno 27 le imprese vitivinicole socie del Consorzio presenti tra la collettiva Marche, il centralissimo padiglione 7 ed altri stand della più importante fiera vitivinicola nazionale.

«Sono molto soddisfatto della risposta delle aziende alla chiamata del nostro Consorzio – dichiara il presidente Simone Capecci – ciò dà forza alla nostra attività promozionale ed alla nostra missione di valorizzazione delle denominazioni da noi tutelate, Offida DOCG, Rosso Piceno DOC, Falerio DOC e Terre di Offida DOC, ed il territorio a loro afferente, ovvero il Piceno normalmente identificato con le province di Ascoli Piceno e Fermo.

A riprova dell’importanza dell’appuntamento il nostro Consorzio ha organizzato, tra le altre cose, due eventi di grande importanza che si terranno nella sala convegni allestita all’interno dello stand regionale.

Simone Capecci

Il primo riguarderà la longevità del Pecorino con valutazioni di vecchia annata a cura di Lorenzo Ruggeri, vice curatore della guida del Gambero Rosso, a dimostrazione delle potenzialità del nostro vitigno autoctono alla base dei bianchi più prestigiosi.

La seconda prevederà una analisi dello studio dei cosiddetti vitigni resistenti nelle Marche e la loro sostenibilità ambientale grazie alla collaborazione con AMAP Marche ed a cura del prof. Marco Stefanini, presidente dell’associazione PIWI Italia.

Un grande sforzo organizzativo che il Consorzio ha ritenuto intraprendere a dimostrazione della convinzione della nostra forza anche dopo una annata difficile dal punto di vista climatico.

Intendo, infine, ringraziare la Regione Marche per gli strumenti che mette a disposizione, oltre all’area del Vinitaly, grazie ai determinati contributi del PSR misura 3.2.».

 

Collettiva del Consorzio Vini Piceni

 

GLI EVENTI DEL “VINITALY” IN ARRIVO

Il Consorzio Tutela Vini Piceni sarà anche presente alla manifestazione Vinitaly and The City, sempre grazie alla Regione Marche, dove sarà allestito un banco di assaggio serale presso il cortile del mercato vecchio al centro della città.

Inoltre, tutti gli espositori presenteranno le due migliori etichette nella degustazione permanente libera e presente all’interno dello stesso stand regionale nella cosiddetta “Terrazza Marche” e che durerà per tutto il periodo della fiera.

 

“Circa l’80 % della base sociale opera nel biologico ed i traguardi raggiunti in questo ambito testimoniano l’attenzione all’ambiente e al controllo delle rese in vigna, cioè la qualità senza compromessi e questo è uno dei nostri punti di forza da presentare alla fiera – commenta il presidente Capecci – Così come al Vinitaly confermeremo la nostra scelta da sempre indirizzata sull’esaltazione dei vitigni autoctoni come Pecorino e Passerina nella DOCG Offida, vertice qualitativo dei bianchi del Piceno e il Montepulciano, il vitigno a bacca rossa per eccellenza del medio Adriatico, nel Rosso Piceno e nell’ Offida Rosso DOCG. Per questo ultimo motivo il Consorzio, in questo ultimo periodo, si sta battendo per l’indicazione dello stesso Montepulciano nell’etichettatura delle nostre denominazioni che lo contengono in maniera prevalente.”

 

Il totem Piceno Veritas del Consorzio Vini Piceni

 

IL CONSORZIO E LA PROMOZIONE DELL’ECCELLENZA PICENA

 

Il Consorzio Vini Piceni nasce, nel 2002, con l’obiettivo di valorizzare la produzione enologica del Piceno. Ad oggi, la realtà del Consorzio è composta da 57 soci, tra aziende agricole e cantine, per un totale di circa 700 viticoltori coinvolti, e può vantare un vino DOCG, l’Offida, il DOCG più diffuso delle Marche, nelle tipologie Pecorino, Passerina e Rosso, e tre vini DOC, cioè il Rosso Piceno (anche nella tipologia Superiore), il rosso maggiormente prodotto nella regione, il Falerio (anche nella tipologia Pecorino) ed il Terre di Offida nelle versioni Passerina Spumante e Passito. Nel 2023 sono state circa 7 milioni le bottiglie prodotte.

 

VINITALY e VINIVERI: LE CATINE PRESENTI

 

Dal suo territorio proviene circa il 55% della produzione vitivinicola delle Marche.

Ecco le cantine del Piceno presenti a Verona. Nella collettiva Marche (padiglone 7): Terra Fageto, Cantina Offida, Carassanese, La Canosa, Le Canà, Cantine di Castignano, San Giovanni, Santa Liberata, Il Crinale, Terre d’Arengo, SeSi, Simone Capecci, Vini Centanni, Collevite, De Angelis, Tenuta Cocci Grifoni, La Cantina dei Colli Ripani, Le Caniette, Saladini Pilastri, Officina del Sole, Il Conte di Villa Prandone, Velenosi, Carminucci Vini, Pantaleone, Poderi San Lazzaro, Vigneti Vallorani, San Filippo.

 

Inoltre, saranno presenti a Cerea (Verona) nella fiera ViniVeri, dal 12 al 14 Aprile 2024, le seguenti imprese socie: Clara Marcelli, Cameli Irene e Allevi Maria Letizia.

 

Ecco il programma completo delle masterclass del Consorzio all’interno della collettiva Marche, domenica 14 e lunedì 15 aprile.

 

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti