fbpx
facebook twitter rss

Terremoto a Montegranaro: al vaglio i danni effettivi

Print Friendly, PDF & Email

20160827_154400 b

 

di Luca Craia

Non ci sono stati crolli ma è ancora in fase di definizione la situazione a Montegranaro dopo il sisma del 24 agosto: dopo un primo momento in cui sulla pagina Facebook del Comune sono apparse comunicazioni rassicuranti circa lo stato del patrimonio immobiliare pubblico e privato, si stanno susseguendo notizie contradditorie.

La chiesa di San Serafino, è stata prima chiusa in via precauzionale dal parroco (che la gestisce in virtù di un accordo col Comune che ne è proprietario) e poi riaperta dopo un sopralluogo di tecnici comunali. Va però ricordato che il tempio è stato già vittima di un crollo serio in tempi molto recenti e che parte della volta è ancora puntellata. La chiesa di Santa Maria in Montaspice (o del SS. Crocifisso) è chiusa anch’essa in via precauzionale.

L’ala Ovest di Palazzo Francescani, in particolare la porzione adiacente la scalinata, presenta le volte lesionate ed è stata chiusa mentre il muro perimetrale esterno, sempre a ovest, mostra vistose crepe che hanno richiamato l’attenzione dell’ufficio tecnico comunale già lo scorso sabato. Il Municipio, il cui primo piano è chiuso e inagibile da tempo ha riportato lievi lesioni ma, dato lo stato di alcune strutture interne, l’attenzione resta alta.

Sono numerosi i privati che stanno segnalando lesioni alle proprie abitazioni. È stata predisposta un’apposita modulistica per segnalare problemi alle strutture private e richiedere un sopralluogo che, al momento, può essere ritirata presso l’Ufficio Protocollo del Comune ma non è scaricabile dalla pagina internet. Intanto si apprende che palazzi storici e importanti sono stati colpiti in maniera piuttosto seria, anche se la valutazione dei danni è ancora del tutto indicativa. Alcuni sopralluoghi sono stati svolti da funzionari dell’ufficio tecnico e dalla polizia municipale in attesa che la Regione Marche attivi gli appositi team per effettuare gli stessi controlli.

 

Sostieni Cronache Fermane

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane la redazione di Cronache Fermane lavora senza sosta per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e in tempo reale sull’emergenza Coronavirus e molto altro. Impieghiamo tutte le nostre forze senza ricevere alcun finanziamento pubblico destinato all’editoria. Sappiamo che, adesso più che mai, l’informazione è fondamentale per la nostra comunità: per questo continuiamo a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. La situazione attuale ha comportato inevitabilmente una forte riduzione di quei contratti pubblicitari che ci hanno consentito in questi 4 anni di attività di offrirti un servizio gratuito. Se apprezzi il nostro lavoro e ritieni che sia importante conoscere quanto accada sul tuo territorio, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal.

Scegli il tuo contributo:

Oppure tramite Bonifico Bancario, inserendo come causale "erogazione liberale":

  • IBAN: IT67V0311169451000000003233
  • Intestatario: CF Comunicazione S.r.l.s. - Banca: UBI Banca S.p.A


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X