facebook twitter rss

Alla scoperta del centro storico
con il trekking urbano

FERMO - Un’edizione 2016 strutturata su due giorni: il 30 ottobre con un percorso di 4,5 km. Lunedì 31 ottobre l’appuntamento del trekking, nell’ambito della Giornata Nazionale del turismo sostenibile sarà dedicata al Giubileo
giovedì 27 ottobre 2016 - Ore 13:07
Print Friendly, PDF & Email

¨
Il trekking è un nuovo modo di fare turismo, meno strutturato e lontano dai circuiti più conosciuti. Un turismo sostenibile e “vagabonding”, più libero e ricco di sorprese che privilegia gli angoli più nascosti e meno noti delle città d’arte italiane. Il trekker urbano, attraverso itinerari studiati da esperti, ha la possibilità di vivere un’esperienza di viaggio unica, coniugando la possibilità di immergersi nell’arte e nella natura, facendo sport.

“Ed il trekking torna a Fermo – fanno sapere dal Comune – con un’edizione 2016 strutturata su due giorni: il 30 ottobre con un percorso di 4,5 km con partenza da piazza del Popolo alle 10 che attraverserà viale Vittorio Veneto, via XX Settembre, via Roma, via delle Mura, via Bellesi, via Marchionni, corso Cavour, corso Cefalonia, via del Teatro Antico, Girfalco e ritorno in Piazza del Popolo.

“Un percorso alla scoperta della città e del centro per scoprirne e apprezzarne ancora di più le bellezze” ha detto l’assessore allo sport Alberto Scarfini.

“Sport e cultura fanno bene alla salute, saranno le medicine del futuro – ha aggiunto Luca Capodaglio, referente dell’iniziativa – un percorso pedonalizzato non competitivo per il benessere psico-fisico, il gusto con la frutta dell’azienda Sbrolla e le bellezze artistiche”.

Lunedì 31 ottobre l’appuntamento del trekking, nell’ambito della Giornata Nazionale del turismo sostenibile che quest’anno coinvolge 53 città in Italia, guidate da Siena, anche a Fermo come a livello nazionale sarà dedicata al Giubileo, a uno o a più luoghi della fede, custodi di opere d’arte e testimoni di miracoli e leggende, luoghi simbolo della cristianità.

“Questa seconda giornata, prevede – ha spiegato Luci Medei di Sistema Museo che ha collaborato a questa iniziativa del 31 ottobre – un percorso che dalla cattedrale e dal museo diocesano scende a San Savino, compatrono di Fermo, fino alla chiesa di San Domenico, San Martino, San Filippo fino alla chiesa di San Pietro (la chiesa del Carmine è stata esclusa all’ultimo omento dopo il terremoto)”. Un percorso di due ore, di 2 km, con due partenze dal Girfalco, alle ore 9,30 ed alle ore 15,30, ingresso gratuito, prenotazione obbligatoria (tel. 0734. 217140 – fermo@sistemamuseo.it – www.sistemamuseo.it).


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page

Caricamento..

Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


Caricamento..
X