facebook twitter rss

Croce gialla, l’impegno
che non conosce pausa

Print Friendly, PDF & Email
croce gialla montegranaro terremoto

Un mezzo della Croce Gialla di Montegranaro fuori dalla palestra di Camerino

di Loredano Zengarini

croce gialla montegranaro terremotoIn piena attività, in questo periodo di emergenza terremoto, la Croce gialla di Montegranaro con il supporto all’Anpas e protezione civile. Un impegno partito sin da subito dopo il terremoto del 24 agosto con turnazioni con automezzo ed equipaggio che ha visto impegnati i militi della pubblica assistenza di Montegranaro per oltre un mese nella frazione di Pescara del Tronto, comune di Arquata. Raddoppiato poi con il terremoto di ottobre che li ha visti impegnati con turnazioni di uno o più giorni a Camerino come supporto al 118 per le emergenze prima presso il deposito Contram di Camerino dove era stato stabilito un primo punto di ritrovo per gli sfollati poi spostato nella palestra comunale che si trova in una zona più periferica. 

Turnazioni che non vedevano i volontari impegnati solo per le eventuali emergenze, ma anche nel supporto psicologico alle persone coinvolte nel terremoto e presenti nelle strutture attrezzate per ospitarli durante l’ emergenza in cui hanno perso tutto, “solo alla palestra comunale di camerino ce ne erano 600, abbiamo dato una mano anche supporto logistico per la sistemazione e soddisfare le esigenze di persone che con il terremoto avevano perso tutto – come ci riferisce Emanuele Santarelli responsabile della Croce gialla – oltre a questo siamo stati impegnati a collaborare anche con la protezione civile nel trasferimento dei pazienti dell’ospedale di Amandola a Fermo, sempre come protezione civile avevamo una postazione presso lo stabilimento Tinnea a di Montefortino dove sono ospitati gli sfollati del comune dei Sibillini”. Per quanto riguarda gli impegni futuri invece Emanuele parla di quello a cui saranno chiamati presumibilmente a fare “facilmente ci saranno altre postazioni di supporto al 118 forse a Muccia o Porto Sant’Elpidio, ma anche lavoro logistico per lo smistamento dei materiali dal magazzino dell’Anpas di Villa Potenza”.

croce gialla montegranaro terremoto

Il responsabile della Croce gialla, Emanuele Santarelli

Con Valentina Apolloni, sempre della Croce Gialla di Montegranaro parliamo del impegno a Montegranaro che ha visto i militi della Croce gialla nel supporto alla popolazione prima al raduno spontaneo la sera del terremoto del 26 nella zona del centro sportivo La Croce e poi nel dormitorio predisposto dall’ amministrazione comunale presso la palestra comunale di San Liborio: “Abbiamo sempre avuto un equipaggio che ha fatto la spola fra i due luoghi che ha visto i montegranaresi che per precauzione avevano scelto di non dormire in casa nei giorni a ridosso delle scosse, aiutando anche nell’ allestimento del dormitorio nella palestra di San Liborio insieme alla locale Protezione Civile”.

Volontari della Croce gialla a Camerino

Volontari della Croce gialla a Camerino

Un volontario della Croce gialla

Un volontario della Croce gialla

La tendopoli di Arquata

La tendopoli di Arquata


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X