facebook twitter rss

Furti e rapine, raffica di arresti
e denunce dei carabinieri:
recuperata anche un’auto rubata

CRIMINALITA' - Da Monterubbiano a Porto Sant'Elpidio, passando per Porto San Giorgio, i militari hanno effettuato due ordinanze restrittive in carcere a carico di una coppia di marocchini, una nei confronti di un 52enne fermano, e due denunce a carico di un pakistano e di un marocchino
Print Friendly, PDF & Email

carabinieri 8

I carabinieri di Monterubbiano hanno eseguito un ordine restrittivo, disposto dall’aurorità giudiziaria di Fermo, nei confronti di due coniugi, di origine magrebina, residenti nella cittadina. L’ordinanza è scattata poiché i due devono espiare una pena definitiva di circa quattro anni di reclusione e il pagamento di 900 euro di multa, riportata per rapina in concorso e lesioni personali commessi a Pedaso nel 2009. I due sono stati trasferiti presso il carcere di Fermo e quello di Teramo, a disposizione dell’autorità giudiziaria di Fermo. I carabinieri di Porto San Giorgio, invece, nel corso di un servizio appositamente predisposto, hanno rintracciato, traendolo conseguentemente in arresto, un 52enne fermano, pregiudicato, dando così esecuzione a un’ordinanza restrittiva emessa dalla Procura della Repubblica di Fermo, dovendo il 52enne espiare una pena definitiva di circa due anni di reclusione,  riportata per furto commesso in città nel 2015. L’arrestato è stato trasferito al carcere di Fermo a disposizione dell’autorità giudiziaria fermana. I militari dell’Arma di Porto Sant’Elpidio, invece, sono intervenuti al centro commerciale Auchan dove un pakistano, 34enne, senza fissa dimora, pregiudicato, tossicodipendente, era stato sorpreso poco prima dal personale addetto alla vigilanza nel superare le casse occultando, all’interno del giubbotto, generi alimentari e capi di abbigliamento, dopo aver rimosso le placche anti-taccheggio con un grosso cacciavite che è stato rinvenuto dai carabinieri a seguito di una perquisizione. Nel corso degli accertamenti è emerso che l’uomo era anche destinatario di un decreto di espulsione emesso nei suoi confronti dal questore di Ascoli Piceno. L’uomo dovrà rispondere di furto aggravato, porto abusivo di strumenti atti ad offendere e inosservanza del decreto di espulsione. La merce, per un valore complessivo di 100 euro, e’ stata restituita al direttore del centro commerciale, mentre il grosso cacciavite e’ stato sottoposto a sequestro penale. Sempre a Porto Sant’Elpidio i carabinieri della locale stazione, nel corso di uno specifico servizio per il contrasto della microcriminalità, hanno bloccato una Renault Clio alla cui guida si trovava un marocchino di 30 anni, pregiudicato e senza fissa dimora. Da subito l’uomo si è mostrato indisponente al controllo tanto da spingere i militari ad effettuare approfonditi accertamenti  sia sulla persona che sull’auto. E infatti  l’uomo era alla guida di un’autovettura rubata qualche giorno prima a Montegranaro. L’auto e’ stata restituita al legittimo proprietario mentre l’uomo è stato segnalato all’autorità giudiziaria fermana per ricettazione. I servizi per contrastare il fenomeno dei reati predatori saranno intensificati per tutto il periodo natalizio.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti